Cerca

A quattro mesi da Parigi

Texas, sparatoria a Garland durante una mostra di vignette su Maometto: uccisi i due attentatori

Texas, sparatoria a Garland durante una mostra di vignette su Maometto: uccisi i due attentatori

Due uomini sono stati uccisi dalla polizia nella sera di domenica a Garland, vicino Dallas in Texas, fuori dal centro cittadino dove era in corso un evento che prevedeva una mostra di vignette su Maometto, a quattro mesi dalla strage di Charlie Hebdo a Parigi. Alla manifestazione doveva partecipare anche l'ultraconservatore olandese Geert Wilders. Secondo le prime ricostruzioni, due uomini a bordo di un'auto hanno raggiunto la sede dell'evento, il Culwell Event Center, poco prima della sua conclusione e, dal parcheggio antistante l'edificio, hanno aperto il fuoco ferendo un addetto alla sicurezza disarmato. I poliziotti hanno risposto agli spari uccidendo i due uomini. Una squadra di artificieri è stata inoltre chiamata sul posto per ispezionare l'auto nel timore che vi potessero essere esplosivi e, a quanto si apprende, sul luogo della sparatoria è poi entrata in azione anche l'Fbi. La zona è stata immediatamente transennata mentre all'interno dell'edificio sono rimaste circa 40 persone che avevano partecipato all'evento organizzato dall'"American Freedom Defense Initiative", un'associazione di base a New York, in nome della libertà di espressione. All'evento era legata una mostra di vignette raffiguranti Maometto e una competizione che avrebbe premiato il disegno più efficace con 10mila dollari.

Gli organizzatori hanno affermato di aver ricevuto per il concorso "oltre 350 vignette di Maometto provenienti da tutto il mondo". Ma durante l'evento era previsto anche l'intervento di alcuni personaggi tra cui il principale era il politico olandese Wilders che con un tweet ha comunicato di essere in salvo. Nello stesso posto aveva avuto luogo alcuni mesi fa un evento organizzato dalla comnità musulmana. Le forze di sicurezza a Garland ritengono che non vi siano altre persone coinvolte nell'attacco ed hanno riferito che la sparatoria è stata molto breve con i due subito colpiti dagli agenti. Resta comunque in forze nella zona il dispositivo di sucurezza, con alcuni esercizi commerciali dei dintorni evacuati oltre che i partecipanti all'evento mentre resta al momento sul posto l'auto usata nell'attacco come anche i corpi senza vita dei due autori. In vista dell'evento era stato previsto un rafforzamento della sicurezza attorno all'edificio, tra i poliziotti in servizio e guardie private impiegate per l'occasione. Al momento tuttavia le autorità locali affermano che non vi fossero state minacce o sentori di pericolo prima dell'evento mentre ci si chiede già quale sia la natura dell'attacco: se si tratta di "lupi solitari" come accaduto a Copenaghen o se sia un'azione legata ad una organizzazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gilucas

    05 Maggio 2015 - 10:10

    Questi maomao stanno bene così, loro in paradiso e noi in pace.

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    04 Maggio 2015 - 18:06

    Bisogna essere proprio dei maomettani rincoglioniti ad imporre la sharia ai texani, sarebbe come far diventare vegano un macellaio.Se andiamo avanti così i texani risolvono il problema islamico nel mondo, a fucilate.

    Report

    Rispondi

  • antidoto

    04 Maggio 2015 - 12:12

    I Italia i poliziotti avrebbero dovuto prima chiedere ai presunti terroristi (islamici) se non fossero per caso dei "writer". Sapete no, anche con il piombo si può "scrivere" ...

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    04 Maggio 2015 - 11:11

    A tutti i buonisti vorrei chiedere se sia meglio la reazione della polizia del Texas con i due terroristi o quella della polizia italiana con i black bloc. Magari devono andare a farsi dire cosa e' giusto o sbagliato da Fedez, che come tutti sanno e' un saggio luminare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog