Cerca

Scenari

Regno Unito, trionfa David Cameron: ora il referendum sull'Unione europea

David Cameron

In Gran Bretagna vince David Cameron. Anzi, stravince. L'incubo del pareggio non si è materializzato: il Regno Unito resta a destra. "Questa è stata chiaramente una notte molto positiva per i conservatori", ha dichiarato a caldo Cameron, per poi ricordare l'obiettivo: un referendum sul futuro dell'Inghilterra in Europa. Da Grexit a Brexit, dunque: la Gran Bretagna, capeggiata dal premierr Cameron, vuole uscire dall'Unione europea. Un progetto che dovrebbe arrivare a compimento nel 2017, e che in parte era stato "istruito" in seguito all'impetuosa crescita dell'Ukip di Nigel Farage, uscito con le ossa rotte da questo voto. A breve, dunque, il Regno Unito potrebbe decidere di "stracciare" la bandiera continentale. Una consultazione che potrebbe avere effetti dirompenti, e che potrebbe soprattutto rafforzare il fronte anti-euro che si oppone all'egemonia tedesca sul Vecchio Continente.

Lo scenario - Ma sull'esito di questo referenudm, che comunque assicura "si farà", ha dei dubbi proprio il fondatore dell'Ukip, Alan Sked, che spiega a L'Espresso: "Si farà, ma purtroppo l'obiettivo di Cameron è di restarci. Cercherà di ottnere una ritrattazione di quell'articolo, nel trattato di Roma del 1956, in cui si parla di una ever closer union, cioè un’integrazione progressivamente sempre più stretta. Noi ne siamo di fatto già esentati, da quando abbiamo rifiutato l’unione monetaria, ma lui lo presenterà come un trionfo politico e convincerà gli inglesi a restare”. Il punto, però, è che nessuno alla vigilia del voto si aspettava un tale successo di Cameron. Un successo, dunque, che potrebbe essere figlio proprio della "promessa referendaria" con cui si era impegnato. Una promessa che non può eludere: resta da vedere come affronterà il tema (e soprattutto come voteranno gli inglesi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marino43

    09 Maggio 2015 - 12:12

    Gli Inglesi sono un popolo conservatore e pragmatico. Avevano votato per Farage ma difronte al cambiamento hanno deciso di stare con i conservatori. Strano popolo! Al referendum diranno no all'uscita dall'Europa perché hanno più vantaggi a stare come sono. Moneta propria e vantaggi dall'Europa. Noi dovremmo dire statevene fuori, Ecco il referendum giusto

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    09 Maggio 2015 - 12:12

    Che invidia, U.K. sempre grande nei secoli!!!!!

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    09 Maggio 2015 - 11:11

    se ci fosse un referendum pro o contro l'europa vincerebbero i pro e il giorno dopo tutti giurerebbero di aver votato contro tutti odiano il governo renzi ma alle elezioni tutti lo rivoteranno....siamo in popolo strano di santi poeti navigatori e Voltagabbana non riusciamo a mantenere fede a un ideale per piu di 2 o 3 anni siamo propensi a dimenticare e a stufarci presto.....

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    09 Maggio 2015 - 10:10

    a quelli che dicono che l'Italicum è antidemocratico: in Inghilterra Cameron ha preso il 35% dei voti e ha (grazie al premio di maggioranza) la maggioranza assoluta. Farage ha preso il 12,6% dei voti e ha preso (non ricordo bene) 1 o 2 seggi...........altro che Italicum.....

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      09 Maggio 2015 - 10:10

      non illuderti selenikos.....credi di vivere sulla luna?....nessuno ha un argomento per risponderti.........

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog