Cerca

Brexit

La Gran Bretagna ha un piano sugli effetti dell'uscita dall'Unione Europea: il piano svelato per sbaglio in un'email

5
David Cameron

David Cameron

Che la Gran Bretagna fosse uno dei Paesi membri dell'Unione europea era cosa nota, ma ora sarebbe pronta a mollare tutti e proseguire sulla propria strada. Solo grazie a un gravissimo errore di un dirigente della Bank of England è venuto fuori che esiste addirittura un piano dettagliato per la exit strategy. La conferma è arrivata dalla stessa Banca centrale dopo che il quotidiano Guardian ha pubblicato un'email spedita per sbaglio da un manager della banca a un giornalista del quotidiano. Nel messaggio il dirigente parlava di un progetto top secret che la Boe si è affrettato a ridurre come un piano prevedibile. La Boe ha scritto in una nota che: "non dovrebbe sorprendere" la previsione della Gran Bretagna di studiare un piano d'uscita dall'Ue, con uno studio sui relativi effetti: "Ci sono una serie di questioni economiche e finanziarie che si pongono nel contesto della rinegoziazione" dei legami con l'Unione europea. C'è poi da considerare il referendum che il primo ministro David Cameron ha indetto per la fine del 2017, come promesso nell'ultima campagna elettorale. Per ora è nota solo l'esistenza del piano di uscita, ma non il suo contenuto. Per conoscerlo si dovrà attendere "il momento opportuno" scrive la Boe, così come è stato fatto in occasione del referendum sull'indipendenza scozzese, poi bocciato.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    24 Maggio 2015 - 01:01

    Ottimo! Prima finsce l'euro meglio per tutti ..meno la BCE!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    23 Maggio 2015 - 22:10

    A me...pare na strunzata.

    Report

    Rispondi

  • attila51

    23 Maggio 2015 - 21:09

    E le Banche lasciano a casa: Deutsche Bank 9.700 persone , HSBC 21.200, MorganChase 12,700 per citarne qualcuna e porterebbero gli uffici di Direzione Generale a Dublino con notevole sconto sulle tasse e i contributi. Cameron perderebbe in un colpo circa 65.000 posti di lavoro a Londra e lo svuotamento di Canary Wharf. Che affare neh!!! Si svuota la City.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media