Cerca

igiene

I segreti sotto la doccia: dai più puliti ai più sporchi del pianeta, la ricerca che ribalta i luoghi comuni

I segreti sotto la doccia: dai più puliti ai più sporchi del pianeta, la ricerca che ribalta i  luoghi comuni

Se pensate che le nazioni ricche siano anche quelle con la popolazione più pulita vi sbagliate di grosso. Secondo  una ricerca condotta da Euromonitor International, pubblicata dalla rivista americana The Atlantic, i paesi in cui le persone si fanno più docce sono il Brasile, seguito da Colombia, Messico, Medio Oriente e Indonesia. Quello in cui le persone sono più "sporche" è invece il Giappone.

Ricerche- Questo studio è del tutto sorprendente e sfata tutti i luoghi comuni: i tedeschi si lavano meno degli indiani. Gli inglesi meno dei latini. Gli arabi, beduini che vivono in deserti con problemi idrici, fanno la doccia molto più spesso degli statunitensi muniti di hi-tech bathroom.  Di certo questi studi sono in grado di sorprendere, se si pensa che le persone dei paesi più poveri sono più pulite di quelli dei paesi più ricchi e a battere tutti sono i brasiliani con un record di 12 docce a settimana. I colombiani se ne fanno tra le 9 e le 10, gli australiani 8 come i medioreintali; spagnoli, francesi e indiani sono a 7 (cioè una doccia al giorno), gli americani e i tedeschi stanno a 6, gli inglesi a 5 come giapponesi e cinesi. Quanto a shampoo, guidano i messicani con sei a settimana seguiti da giapponesi, americani, mediorientali e brasiliani a quota 4.

Uomini e donne- A parte gli igienisti patologici, che si solito sono di sesso maschile,  in tutto il mondo le donne sono in testa alle classifiche tra coloro che si lavano ogni ventiquattr’ore. Queste ultime infatti, come scrive La Stampa, trascorrono in bagno 73,39 minuti al giorno contro la media maschile di 67,08. Ci si lava soprattutto per rinfrescarsi, ma l’acqua sulla testa serve anche a svegliarsi: la stessa ricerca ci dice che il 47 per cento degli individui fa la doccia al mattino e solamente il 28 per cento la sera. Più di metà degli intervistati ha sottolineato l’effetto rilassante. Mentre per il 14 per cento il box rappresenta anche una sorta di pensatoio: caccia il malumore e origina nuove idee (soprattutto nei giovani). Nessuno però ha saputo calcolare quanti cantano sotto la doccia: se la ricerca fosse stata condotta in Italia avremmo certamente anche questo dato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • plaunad

    27 Maggio 2015 - 18:06

    Sapevo da tempo che gli Inglesi avevano una fama di sporcaccioni. E questo da un' indagine fatta da loro stessi.

    Report

    Rispondi

  • Giumaz

    27 Maggio 2015 - 18:06

    E aggiungiamo pure che i sudicioni anglosassoni e nordici in genere non conoscono ancora l'uso di quell'umile oggetto che va sotto il nome di bidet .....

    Report

    Rispondi

blog