Cerca

isis

I gemelli tedeschi kamikaze, uno di loro si è fatto saltare in aria in nome di Allah

4
I gemelli tedeschi kamikaze, uno di loro si è fatto saltare in aria in nome di Allah

Questi due ragazzi si chiamano Manuel e Cristoph G. e sono due gemelli tedeschi arruolati nelle fila dello Stato Islamico in Iraq. La loro foto è apparsa sulla rivista Dabiq, organo di propaganda dell’Isis, in un articolo dedicato ai martiri della Jihad. Secondo quanto riportato dalla rivista a morire kamikaze, in un attentato dello scorso aprile in una base irachena a nord di Baghdad è stato Manuel, il ragazzo sulla sinistra, ex soldato dell’esercito tedesco, poi convertitosi all’Islam e ribattezzato con il nome di Abū Mus’ab al-Almānī.

La storia- L'elogio funebre recita in suo onore recita: "Solo alcuni mesi fa Abu Mus’ab era un soldato crociato tedesco che combatteva contro i fratelli musulmani in Afghanistan. Ora Allah, con la sua grazia, ha deciso di sostituire il bene al male, e l’ha trasformato in un guerriero il cui sangue è stato versato per una nobile causa". I due gemelli provenienti da Kassell, cittadina della Germania centro occidentale, avrebbero iniziato frequentando gli ambienti salafiti tedeschi per poi partire alla volta dell’Iraq e arruolarsi come foreign fighters. In altre fotografie apparse sulla rivista Dabiq, si intravedono degli occhi azzurri nascosti dietro a un passamontagna, intorno fiamme e fumo. Quasi sicuramente si tratta di Manuel “ex soldato crociato tedesco” fattosi esplodere nel nome di Allah. Dalla Germania si stima che siano partiti almeno in 500: tra loro ci sarebbe anche un rapper, Deso Dogg, padre ghanese e madre tedesca, soprannominato il Goebbels di Isis, per la sua capacità di fascinazione sui giovani europei. Intanto la Germania prova a fermarli con il sequestro dei documenti di viaggio per tutte le persone di nazionalità tedesca sospettati di partecipazione alla causa jihadista.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    28 Maggio 2015 - 22:10

    Se della gente cosi`rientrasse in Germania andrebbe subito in galera a regime duro, se rientrasse in Italia verrebbe nominata Senatore SEL o PD.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Maggio 2015 - 12:12

    menti deboli, prive di costruzione culturale forte, radicata e condivisa, sono da sempre preda dei Furbi. Siano essi i furbi delle religioni, tutte, siano essi i furbi della delinquenza... non è certo una Novità. Se ne salva qualcuno di questi sbalestrati, ma solo per fortuna, e cioè quando l'esperienza Negativa non è Mortale e Induce a Recuperare gli Errori.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    28 Maggio 2015 - 12:12

    Dall'aspetto sembrano tedeschi "di pura razza ariana"...Ma non dovevano essere tutti figli di immigrati, magari arrivati qui con i "barconi"?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media