Cerca

isis

I gemelli tedeschi kamikaze, uno di loro si è fatto saltare in aria in nome di Allah

I gemelli tedeschi kamikaze, uno di loro si è fatto saltare in aria in nome di Allah

Questi due ragazzi si chiamano Manuel e Cristoph G. e sono due gemelli tedeschi arruolati nelle fila dello Stato Islamico in Iraq. La loro foto è apparsa sulla rivista Dabiq, organo di propaganda dell’Isis, in un articolo dedicato ai martiri della Jihad. Secondo quanto riportato dalla rivista a morire kamikaze, in un attentato dello scorso aprile in una base irachena a nord di Baghdad è stato Manuel, il ragazzo sulla sinistra, ex soldato dell’esercito tedesco, poi convertitosi all’Islam e ribattezzato con il nome di Abū Mus’ab al-Almānī.

La storia- L'elogio funebre recita in suo onore recita: "Solo alcuni mesi fa Abu Mus’ab era un soldato crociato tedesco che combatteva contro i fratelli musulmani in Afghanistan. Ora Allah, con la sua grazia, ha deciso di sostituire il bene al male, e l’ha trasformato in un guerriero il cui sangue è stato versato per una nobile causa". I due gemelli provenienti da Kassell, cittadina della Germania centro occidentale, avrebbero iniziato frequentando gli ambienti salafiti tedeschi per poi partire alla volta dell’Iraq e arruolarsi come foreign fighters. In altre fotografie apparse sulla rivista Dabiq, si intravedono degli occhi azzurri nascosti dietro a un passamontagna, intorno fiamme e fumo. Quasi sicuramente si tratta di Manuel “ex soldato crociato tedesco” fattosi esplodere nel nome di Allah. Dalla Germania si stima che siano partiti almeno in 500: tra loro ci sarebbe anche un rapper, Deso Dogg, padre ghanese e madre tedesca, soprannominato il Goebbels di Isis, per la sua capacità di fascinazione sui giovani europei. Intanto la Germania prova a fermarli con il sequestro dei documenti di viaggio per tutte le persone di nazionalità tedesca sospettati di partecipazione alla causa jihadista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    28 Maggio 2015 - 22:10

    Se della gente cosi`rientrasse in Germania andrebbe subito in galera a regime duro, se rientrasse in Italia verrebbe nominata Senatore SEL o PD.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Maggio 2015 - 12:12

    menti deboli, prive di costruzione culturale forte, radicata e condivisa, sono da sempre preda dei Furbi. Siano essi i furbi delle religioni, tutte, siano essi i furbi della delinquenza... non è certo una Novità. Se ne salva qualcuno di questi sbalestrati, ma solo per fortuna, e cioè quando l'esperienza Negativa non è Mortale e Induce a Recuperare gli Errori.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    28 Maggio 2015 - 12:12

    Dall'aspetto sembrano tedeschi "di pura razza ariana"...Ma non dovevano essere tutti figli di immigrati, magari arrivati qui con i "barconi"?

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    28 Maggio 2015 - 12:12

    magari fossero miglia che si fanno esplodere in nome di Allah.meno sono meglio è.

    Report

    Rispondi

blog