Cerca

Scandalo

Chicago, gli agenti di polizia seviziano un nero arrestato: lo riducono come un cervo ucciso in una battuta di caccia

Chicago, gli agenti di polizia seviziano un nero arrestato: lo riducono come un cervo ucciso in una battuta di caccia

A Chicago il Dipartimento di polizia ha diffuso la terribile fotografia che potete vedere, uno scatto che risale a 12 anni fa. Nell'immagine due poliziotti armati mettono delle corna d'alce sulla testa di un uomo di colore arrestato, mimando una battuta di caccia di cattivo gusto. La foto, realizzata con una Polaroid, è riemersa a causa dei precedenti penali di uno dei due uomini, Jerome Finningan, che sta scontando 12 anni per corruzione, mentre Timothy McDermott è stato licenziato dal corpo di polizia ottobre scorso. Lo scatto è tornato a galla nel 2013, e gli avvocati hanno richiesto di bloccarne la diffusione, ma il giudice quest'anno ha negato la richiesta e durante questa settimana la notizia si è sparsa a macchia d'olio e l'immagine è passata a tutti i giornali americani. McDermott si dichiara imbarazzato dal suo coinvolgimento nella vicenda e ha dichiarato di aver commesso un errore giovanile, mentre il suo legale Dan Herbert ha aggiunto che la fotografia non racconta tutta la storia e che non ci sono prove che l'uomo non fosse d'accordo a partecipare in una foto che poteva anche essere a scopo goliardico, mentre il Dipartimento si discosta dall'accaduto, specificando che il cattivo comportamento dei due ex agenti non rappresenta né i valori della città né quelli della polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • steacanessa

    28 Maggio 2015 - 19:07

    Ma com fate a scrivere belinate come queste! Il diversamente bianco è chiaramente in ottima salute e complice dei due belinoni.

    Report

    Rispondi

  • Pugile

    28 Maggio 2015 - 17:05

    Ma dai, è una foto goliardica, anche l'arrestato è evidente che sta al gioco, basta guardare l'espressione che assume.

    Report

    Rispondi

blog