Cerca

propaganda jihadista

Isis, ucciso nei raid il regista dei video delle decapitazioni

Isis, ucciso nei raid il regista dei video delle decapitazioni

Il regista dei video dell’orrore della propaganda dell’Isis, Abu Samra, e il suo vice sono stati uccisi nel bombardamento di un edificio a Qaim, nel distretto di Falluja: lo ha riferito il ministero dell’Interno iracheno, per il quale il raid è scattato dopo una soffiata dell’intelligence sulla presenza di diversi leader del gruppo jihadista. Sabato Baghdad aveva fatto sapere che sotto le bombe erano morti in totale «28 terroristi», ma ora ora ha precisato che ci sono anche due vittime «eccellenti».

Abu Samra è considerato l’ideatore di sanguinosi video propagandistici come quelli di Jihadi John che sgozzava gli ostaggi, dei miliziani che su una spiaggia libica massacrano 21 copti egiziani con il loro sangue che tinmge di rosso il mare, il pilota giordano arso vivo in una gabbia. Con lui è morto anche l’americano Abu Osama al-Amriky, il producer che era considerato il numero due del braccio mediatico jihadista.  Il raid aereo è stato sferrato nell’ambito dell’operazione Mustafa AlSebhawy, dal nome dal soldato iracheno catturato dall’Isis e impiccato a un ponte di Falluja, che finora non ha permesso a Baghdad di sfondare nelle due roccaforti jihadiste di Ramad e Mosul.

Tra gli altri esponenti di spicco dell’Isis uccisi nel bombardamento ci sarebbero Abdullatif Jumaa Al Mohammedy, il temuto capo delle operazioni suicide a Falluja, e poi Abu Aicha Al Ansari, un esperto di esplosivi, il marocchino Abu Saif Al Jazrawy e il responsabile della fondazione dell’Isis Abu Hussein Al Sulaimani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cartonito

    01 Giugno 2015 - 10:10

    E come si dovrebbero chiamare ? Sono tutti pidocchiosi uguali

    Report

    Rispondi

blog