Cerca

Femminicidio

Argentina, quattordicenne uccisa dal fidanzato perché aspettava un bambino

Argentina, quattordicenne uccisa dal fidanzato perché aspettava un bambino

In Argentina per giorni non si è parlato d'altro su quotidiani e tv. Una ragazza di 14 anni, Chiara Paéz, è stata uccisa dal proprio fidanzatino perché incinta di qualche settimana. La ragazza era scomparsa e il web si era mobilitato per ritrovarla attraverso la condivisione della sua foto e delle sue generalità. Fra coloro che la cercavano c'era anche Manuel Mansilla, il suo ragazzo di sedici anni che poi si è rivelato il vero colpevole. Dopo tre giorni dalla presunta scomparsa la ragazza viene trovata nel giardino di Manuel con il volto tumefatto dalle botte. Poi la scoperta choc: era incinta di otto settimane ed é stata crudelmente seppellita viva. Durante l'autopsia sono state trovate tracce di pillola abortiva e il ragazzo è anche stato accusato di averla obbligata ad interrompere la gravidanza. Anche i genitori di lui sono indagati: infatti è difficile che l'assassino abbia agito da solo, uccidendo la ragazzina che era alta 1.70 e pesava 70 kg.  Il caso ha scatenato un'unanime reazione: è passato sui social l'hashtag #NiUnaMenos (non una in meno, ndr) a cui ha anche aderito Lionel Messi ed è stata organizzata una grande manifestazione a Buenos Aires contro il femminicidio, che in quella nazione miete una vittima ogni 31 ore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    06 Giugno 2015 - 21:09

    Certamente povera ragazza, ma se pensiamo al nostro Paese, dovremmo inorridire di come è la gestione di difesa della donna e della giustizia. Li certamente si arriverà ad una pena certa, qui siamo nella fase del vago ... del se sei di sinistra puoi... ammazzare non è reato ... violentare è un hobby concesso dallo stato. Siamo ultimi nel mondo in fatto di difesa del cittadino.

    Report

    Rispondi

  • lorenvet

    06 Giugno 2015 - 17:05

    Povera ragazza, chissà quanti sogni in quel rapporto e per quel bambino, nonostante la paura del domani, e qui criminali l' hanno scempiata così. Che cosa triste.

    Report

    Rispondi

  • Socrate2014

    06 Giugno 2015 - 16:04

    Angelo, R.I.P. e quel demonio patisca all'inferno per tutta l'eternità. Per uno così non ci deve essere pietà.

    Report

    Rispondi

blog