Cerca

L'altolà di Obama

Guerra Fredda, Putin raddoppia le spese per il riarmo russo

Guerra Fredda, Putin raddoppia le spese per il riarmo russo

Sui media americani diffusi in Europa Vladimir Putin viene dipinto come un redivivo Hitler post sovietico impegnato in una disperata e perciò pericolosa "strategia della sopravvivenza". "Vuole ricreale le glorie dell'impero sovietico", ha denunciato ieri Barack Obama dal G7 con un affondo nei confronti del Cremlino senza precedenti che apre scenari da nuova Guerra Fredda. "Vladimir Putin", ha ammonito il presidente degli Stati Uniti, "deve scegliere se continuare a isolare il suo Paese e a distruggere la sua economia, nello sforzo sbagliato di ricreare i fasti dell'impero sovietico. Oppure se riconoscere che la grandezza della Russia non dipende dalla violazione dell'integrità territoriale e della sovranità di altri Stati". Una violazione che, sostiene Obama, nel caso dell'Ucraina non è mai cessata. Per questo gli Usa e l'intero G7 si dicono pronti non solo a prolungare oltre il prossimo luglio le attuali sanzioni verso la Russia, ma anche a decidere nuove misure restrittive se ciò si renderà necessario. "Ci sono già discussioni a livello tecnico, anche se non ancora a livello politico", ha spiegato Obama sottolineando l'esigenza di "essere preparati" di fronte a un Cremlino che dovesse insistere con quella che a Washington viene considerata una politica di aggressione.

La risposta del Cremlino - La risposta di Mosca non s'è fatta attendere. "Ci riserviamo il diritto di reagire conseguentemente a tutte le iniziative 'non amichevoli' compiute contro di noi dagli Usa", si legge in un rapporto del ministero degli Esteri, diffuso non a caso nelle ore conclusive del G7. Per le autorità russe l'obiettivo dell'amministrazione Obama è solo quello di "aumentare la pressione delle sanzioni contro la Russia, per indebolire la sua economia e creare le condizioni per destabilizzare la situazione politica interna del Paese".

Spese militari raddoppiate - E mentre sui Baltici volteggiano caccia della Nato in esercitazioni dimostrative Mosca ha raddoppiato la spesa militare dal 2010 arrivando a investire il 14% del Pil russo. Qualche giorno fa Putin, intervistato dal Corriere, aveva denunciato: "Le spese militari degli Stati Uniti sono superiori alle spese militari di tutti i Paesi del mondo messi insieme. Quelle complessive della Nato sono 10 volte superiori a quelle della Federazione Russa. La Russia praticamente non ha più basi militari all’estero. La nostra politica non ha un carattere globale, offensivo o aggressivo". Poi fa degli esempi: "A volte mi fanno osservare che i nostri aerei volano fin sopra l’Oceano Atlantico. Il pattugliamento con aerei strategici di zone lontane lo facevano solamente l’URSS e gli USA all’epoca della guerra fredda. Ma la nuova Russia, all’inizio degli anni Novanta, lo ha abolito, mentre i nostri amici americani hanno continuato a volare lungo i nostri confini. Per quale ragione? Così alcuni anni fa abbiamo ripristinato questi sorvoli: ci siamo comportati aggressivamente? Vicino alle coste della Norvegia ci sono i sommergibili americani in servizio permanente. Il tempo che ci mette un missile a raggiungere Mosca da questi sottomarini è di 17 minuti. E volete dire che ci comportiamo in modo aggressivo?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gabrybaeca

    15 Giugno 2015 - 12:12

    Tanti si metteranno a sorridere, fantasia malata, e poi c'è sempre la Madonna di mezzo, poveri visionari, la Santa Vergine non si stanca mai di intervenire, sono momenti molto duri e difficili, Lei dice sempre di cambiare modo di Vita e di mettere in pratica l'Amore, ma l'avversario è insistente e furbo, se non cambiamo sarà pronta una punizione spaventosa...guerra nucleare!!!

    Report

    Rispondi

  • masterchief.altieri

    14 Giugno 2015 - 23:11

    Pulcinella ridendo e scherzando diceva la verità. Oggi ci sono focolai aperti in ogni continente e le armi usate non sono sempre le stesse ma prendono sempre di mira il popolo. Se a questo punto è proprio il popolo a decidere di non partecipare alle guerre, nulla possono fare i cosiddetti, grandi della terra. Le guerre non si fanno con gli assenti.

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    14 Giugno 2015 - 15:03

    Obama è pronto a fare la guerra alla Russia per l'Ucraina e non muove un dito in medio oriente con tutto quello che è successo e che sta succedendo !!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • massimo63

    14 Giugno 2015 - 12:12

    Obama cerca la guerra a tutti i costi pur di non lasciare ai Brics la ricostruzione del mondo fatto fallire dal liberismo britannico

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog