Cerca

Il fenomeno

"After": storia di sesso tra minorenni letta da un miliardo di persone

"After": storia di sesso tra minorenni letta da un miliardo di persone

Il sogno americano esiste ancora. Soprattutto se si sanno utilizzare i social media e si ammicca al porno soft. La storia del successo di Anna Todd è tutta qui: 26 anni, texana, sposata con un militare da poco congedato dopo essere stato quattro volte in Iraq, è in Italia per presentare il primo volume della saga in quattro parti scritta sulla piattaforma online Wattpad.

After - pubblicato da Sperling & Kupfer (pp. 424, euro 14,90) - è un romanzo rosa per tredicenni in cerca di emozioni forti. La trama è quanto di più scontato: una ragazzina di buona famiglia che va al college e incontra il bel tenebroso che la farà impazzire di gelosia e di sesso. In molti hanno paragonato After a una sorta di Cinquanta sfumature di grigio per adolescenti. In America questo tipo di letteratura si chiama fanfiction: un testo scritto dai fan di un’opera o di un personaggio. In questo caso si tratta degli One Direction, di cui Anna è fan. Il successo che ha registrato è impressionante: oltre un miliardo di lettori online, il libro pubblicato in tutto il mondo. E presto la storia diventerà un film. La Paramount, infatti, ha acquistato i diritti, per una cifra mostruosa (che Todd non può rivelare).

Come ti è cambiata la vita?
«L’unico vero cambiamento è che ho iniziato a viaggiare. Per il resto faccio la stessa vita di sempre. Vivo sempre nella stessa città, in Texas, dove abito da quando mi sono sposata a 18 anni».

Diventare scrittrice era il tuo sogno oppure è capitato?
«Mi è sempre piaciuto leggere, ma certo non immaginavo che avrei potuto scrivere. A volte volevo diventare una pilota di aerei o fare la maestra. Mi domandavo, crescendo, se un giorno avrebbero potuto pagarmi per leggere, ma certo non pensavo di poter scrivere. È il sogno più bello che potesse realizzarsi».

Quali sono i tuoi scrittori preferiti?
«Cassandra Clare, Colleen Hoover, R. K. Lilley, una grandiosa autrice americana che si pubblica da sola. In generale sono appassionata di letteratura per giovani adulti (young adults). Tra gli autori del passato direi Jane Austen, Hemingway e le sorelle Brontë».

Quante ore dedichi alla scrittura ogni giorno?
«Mentre scrivevo After, lavoravo fino a 12 ore al giorno tra scrittura e tempo dedicato ai commenti su Twitter, all’interazione sui social. I quattro volumi di After (il secondo uscirà in Italia il 7 luglio, ndr) li ho scritti in un anno. Sono 2.300 pagine, circa 900mila parole, anche se su Wattpad erano di più. Infatti per pubblicarlo su carta abbiamo tagliato alcune parti».

Dopo After, scriverai un altro romanzo?
«Sì, ho già iniziato a scrivere Before, la storia dei due protagonisti di After (Tessa e Hardin), prima che si conoscano. Inoltre sto lavorando ad altri due romanzi che non hanno niente a che fare con Tessa e Hardin. Saranno sempre storie d'amore, ma ambientate in un gruppo di persone più ampio».

Quanto contribuiscono i follower di Wattpad e di Twitter alla creazione del romanzo? Portano idee e suggerimenti, oppure è tutta farina del tuo sacco?
«Direi che il 90% delle idee è mio, il resto viene dai suggerimenti dei lettori e dai commenti. Il mio lavoro è di giocare il più possibile con emozioni e sensazioni, seguendo i caratteri e le vite dei personaggi, in ogni sfumatura».

Qual è stato l’ingaggio per la vendita dei diritti alla Paramount?
«Non posso dirlo. Però dopo tanto trattare ora abbiamo anche una sceneggiatrice, Susan Martin, che è la sceneggiatrice di Two and a half man e di Mom, due telefilm molto famosi negli Usa».

Credi che il tuo successo sia più una questione di fortuna o di impegno?
«Entrambi. Sicuramente il fatto che i miei lettori abbiano parlato moltissimo di After sui social mi ha aiutato. La mia fatica è di scrivere tutti i giorni. Gli altri utenti scrivevano una volta ogni tanto. Io, invece, ho garantito una pubblicazione costante».

Come hai iniziato? Che lavoro facevi prima?
«Prima di conoscere Wattpad lavoravo come commessa in un negozio, facevo la baby sitter per gli amici e frequentavo un college online. Un giorno, dato che leggere mi piace molto, mi sono ritrovata a seguire le storie di Instagram sul mio gruppo musicale preferito, gli One Direction. Grazie a una ragazza che scriveva queste storie su Instagram, sono finita su Wattpad. Ho scoperto il mondo di chi scrive storie online. Ma quel che non capivo è perché in tanti non finissero le storie che cominciavano. Io, un po’ per gioco, ho iniziato a buttar giù la storia di Tessa e Hardin. E piano piano i lettori mi hanno seguito, un capitolo dopo l’altro».

di Michela Rravalico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog