Cerca

L'inviata dell'Onu in Siria

Isis, schiave del sesso vendute per un pacchetto di sigarette

Isis, schiave del sesso vendute per un pacchetto di sigarette

“Le schiave del sesso dell’Isis sono vendute al mercato per il costo di un pacchetto di sigarette”. Lo ha detto Zainab Bangura, inviata delle Nazioni Unite per indagare sulle violenze sessuali commesse dai militanti dello stato Islamico. Nei mesi trascorsi in Iraq e Siria, Bangura ha detto che una guerra più subdola e segreta si sta combattendo sui corpi delle donne vittime di stupri e violenze. Durante il discorso di lunedì, l’inviata dell’Onu ha affermato che il richiamo più forte per i combattenti provenienti dall’estero è la promessa di avere una vergine da sposare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tizi04

    11 Giugno 2015 - 08:08

    mandategli al Bindi, Kyenge e la Boldrini tanto col burqa, vedono solo gli occhi e poi avranno delle belle sorprese. Lo so non sono vergini (forse la Rosy si !) ma noi ci priviamo volentieri di queste prime donne (?) sono il nostro fiore all'occhiello. Insomma gli altri stati mandano soldati e noi pensiamo al loro benessere.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    10 Giugno 2015 - 17:05

    non mangiano maiale perche non sono cannibali

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    10 Giugno 2015 - 16:04

    Che schifo e più disgustoso ancora è quanto emerso dal sondaggio di al gazeera che rilevava come la maggior parte degli islamici approva la Jihad.

    Report

    Rispondi

blog