Cerca

Snif snif

Francia, il profumo dei defunti in una boccetta: l'ultima frontiera horror dell'estremo saluto

Francia, il profumo dei defunti in una boccetta: l'ultima frontiera horror dell'estremo saluto

Ci sono tanti modi per rimanere attaccati al ricordo di una persona scomparsa. C'è chi tiene in soggiorno l'urna con le ceneri, chi allestisce altarini pieni di foto in camera da letto, ma quel che manca di più a tanti è proprio l'odore del caro estinto. Così è venuta l'idea alla francese Katia Apalatequi, come riporta Jezebel rilanciato da Dagospia. Quando ha visto sua madre annusare il cuscino per sentire l'odore del marito morto da poco, ha pensato di coinvolgere alcuni scienziati dell'università di Le Havre per un progetto che potrebbe diventare un business molto fruttuoso. Ai ricercatori è stato chiesto di ottenere un aroma del defunto, distillando i vestiti per circa quattro giorni.

La boccetta - Il prodotto ha preso il nome di Olfactory links e costa la modica cifra di 800 euro a boccetta. Prezzo che potrebbe non frenare il bisogno di mantenere un legame con l'affetto scomparso e che apre nuovi scenari applicabili su altre categorie. Sul mercato arriveranno presto anche fragranze che richiamano il profumo della mamma per il bebé, senza tralasciare gli odori degli animali domestici passati a miglior vita. Non è proprio una novità assoluta quella della Apalatequi, visto che già in passato il marchio francese Etat libre d'Orange aveva pensato a trasformare in fragranze una serie di secrezioni umane: sangue, sperma, sudore e latte materno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog