Cerca

La nuova guerra fredda

La Russia apre un'indagine sulle missioni lunari americane

La "nuova guerra fredda" tra Stati Uniti e Russia sbarca nello spazio. Come scrive il quotidiano "La Stampa", il portavoce del Comitato Investigativo del governo russo Vladimir Markin ha pubblicato un editoriale sulla "Izvestija (tradotto in inglese sul Moscow Times perchè non passasse inosservato ad alcuno), nel quale annuncia una inchiesta che potrebbe rivelare "nuovi retroscena sugli storici viaggi spaziali" degli americani. Cioè quelli sulla Luna delle missioni Apollo, a cavallo tra la fine degli anni '60 e i primi anni '70.

Markin sottolinea come i preziosi filmati originali del primo allunaggio di Neil Armstrong e Buzz Aldrin siano andati distrutti. E si chiede che fine abbiano fatto i tanti manufatti, tra cui quintali di pietre lunari, portate sulla terra dopo le missioni e di cui non si hanno più notizie. "Non vogliamo sostenere che gli americani non siano andati sulla Luna e che abbiano semplicemente girato un film sulla missione. Ma tutti questi manufatti scientifici - o forse culturali - fanno parte del patrimonio dell’umanità e la loro scomparsa senza lasciare traccia è una perdita per tutti noi. Un’indagine potrebbe rivelare che cosa è accaduto" scrive Markin.

La ragione per la quale i sospetti di Mosca si riaffacciano dopo 46 anni è spiegata dallo stesso Markin alla conclusione del suo intervento, quando afferma che gli Stati Uniti non hanno il diritto di indagare sullo scandalo della Fifa, che sta pesantemente coinvolgendo anche Vladimir Putin e la Russia. Se insistono - è l’implicita minaccia - Mosca potrebbe fare rivelazioni imbarazzanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • laura90

    25 Novembre 2015 - 15:03

    AMSTERDAM - Il sasso di provenienza lunare (Donato dagli USA) da vent'anni nelle collezioni del Museo Nazionale olandese di Amsterdam è falso.Cioè non proviene dalla Luna: un'analisi geologica approfondita ha dimostrato senza ombra di dubbio che si tratta di legno fossile.l'oggetto in questione non è stato raccolto dagli astronauti dell'Apollo 11, come finora si era pensato.Non vale più di 50 euro

    Report

    Rispondi

  • lallo11

    18 Settembre 2015 - 20:08

    è come se noi buttassimo in discarica metà degli incunaboli che si trovano alla Biblioteca vaticana, tanto è roba vecchia a che serve?

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    20 Giugno 2015 - 12:12

    La comunità scientifica INTERNAZIONALE le ha analizzate ed ha validato l'originalità dei reperti. Le rocce lunari, infatti, sono state analizzate dai più svariati istituti sparsi per il mondo, anche se penso che il parere più autorevole sia quello dell'Accademia delle scienze dell'Unione Sovietica, i cui scienziati hanno potuto confrontare il materiale dell'Apollo, con quello in loro possesso .

    Report

    Rispondi

    • lallo11

      18 Settembre 2015 - 20:08

      proprio la NASA, possiede un laboratorio interno per creare sassi e minerali e piastrelle di ogni tipo, ci vuolcosì poco per taroccare una pietra...

      Report

      Rispondi

  • corindia

    20 Giugno 2015 - 08:08

    Anch'io spesso mi sono chiesta come mai, dopo tutto il clamore della prima discesa sulla luna, gli americani non abbiano mai compiuto altre esplorazioni di quella portata......E quel film citato (Capricorn One, per la precisione) continua ad alimentare certi dubbi che non sono stati mai del tutto dissipati.....Forse stanno aspettando il colpo gobbo su Marte????

    Report

    Rispondi

    • comolake

      21 Giugno 2015 - 10:10

      Viva l'Italia che crede nel dogma della immacolata concezione, ma non vede le evidenze scientifiche. Mi sembra di ricordare qualche altra missione sulla Luna. Si ricorda dei moon rover?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog