Cerca

Imperialismo

Russia, Vladimir Putin minaccia la Svezia: "Se aderite alla Nato punteremo i missili nucleari su di voi"

Russia, Vladimir Putin minaccia la Svezia: "Se aderite alla Nato punteremo i missili nucleari su di voi"

Svezia e Russia non si sono mai amate ma solo mal tollerate, tanto da aver combattuto ben 11 guerre tra il 1321 e il 1809. Negli ultimi anni però i rapporti fra i due Paesi si erano sempre mantenuti stabili grazie a un delicato equilibrismo e a una lunga serie di incidenti sempre evitati. Ma ora Mosca avverte Stoccolma senza mezzi termini: “se dovesse decidere di aderire alla Nato, dovrà essere consapevole dei rischi cui si espone”. A dirlo è stato l’ambasciatore russo in Svezia Viktor Tatarinstev che, ricorrendo a toni tutt’altro che diplomatici, ha avvertito che Vladimir Putin “ha annunciato che ci saranno conseguenze e che la Russia sarà costretta a rispondere militarmente riorientando le nostre truppe e puntando i nostri missili balistici armati di testate atomiche”.

Consigli “amichevoli” - In un'intervista ad un quotidiano svedese, l’ambasciatore russo ha consigliato alla Svezia di riflettere bene sulle conseguenze di un’eventuale adesione all’Alleanza Atlantica alla quale né la Svezia né la ancora più vicina Finlandia hanno mai aderito. Questo proprio per non irritare l’ingombrantissimo e minaccioso vicino, una volta imperiale zarista, poi sovietico ed ora russo. I regimi a Mosca e San Pietroburgo sono cambiati nel corso dei secoli ma non il loro atteggiamento con i vicini.

Segnali preoccupanti - Negli ultimi mesi gli incidenti sfiorati tra le forze armate russe e quelle svedesi sono stati frequenti. Più volte il jet di Stoccolma, come di altri Paesi vicini, si sono dovuti alzare in volo per intercettare i giganteschi e antiquati, ma ancora minacciosi, bombardieri strategici russi Tu- 95 Bear. Il 5 ottobre venne invece pubblicata la foto di un caccia russo Su-27 che sfiorava di pochi metri un aereo da ricognizione svedese, e due settimane dopo un sottomarino russo si è spinto fino alle acque costiere svedesi dando il via a giorni di caccia da parte della marina di Stoccolma proprio nelle acque antistanti la capitale. Detto ciò, anche se è cresciuta dal 17% del 2012 al 31% del 2015, la voglia degli svedesi di aderire la Nato non sembra tale da spingere il governo a compiere il passo. In ogni caso, Mosca preferisce non correre rischi e stroncare sul nascere qualsiasi velleità ostile del vicino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gabrybaeca

    29 Luglio 2015 - 11:11

    Ora ci si mette anche la Svezia, paese neutrale per eccellenza, può darsi che i loro capi abbiano cambiato opinione sotto la pressione della cia e della massoneria mondiale!!!possibile che noi europei non possiamo avere una unione vera ed un esercito unito senza bisogno di altri!!! non leggete le profezie, parlano purtroppo di cose terribili, si parla di guerra nucleare!!!

    Report

    Rispondi

  • panjua

    26 Giugno 2015 - 08:08

    Che mandino i 40.000 soldati in Libia! !!!!!!! Per noi, il vero pericolo ė ISIS e l'invasione islamica !!!!!

    Report

    Rispondi

  • callasrus

    21 Giugno 2015 - 14:02

    E se smettiamo di propagare le cretinate? Quali scontri tra le forze armate russe e svedesi?! Dove, quando?!! Il famoso "sottomarino russo" e' stata una bufala americana, l'hanno cercato tutti i paesi del nord e non l'hanno mai trovato! Bombardieri? Va benissimo, ogni paese ha i proprii bombardieri, solo che quelli russi non superano MAI le frontiere e quelli americani ci stanno su tutta l'Europa!

    Report

    Rispondi

  • ghezzabanda20

    21 Giugno 2015 - 11:11

    L'arroganza dellex KGB è talmente spudorata che fa' solo schifo .Naturalmente i soliti vetero "comunisti" hanno preso posizione e non ricordano chio ha invaso la Crimea annettendosela!!!

    Report

    Rispondi

    • albdex

      03 Ottobre 2015 - 19:07

      In Crimea ti ricordo che c'è stato il referendum. Mentre tutte le rivoluzioni colorate, primavere arabe, terroristi e colpi di stato in tutto il mondo sono quasi sempre organizzate dalla sia o dalle fantomatiche ong di Soros

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog