Cerca

I ritratti

Lione, uomo decapitato dall'Isis: era il capo dei terroristi, ucciso prima dell'attacco

Lione, uomo decapitato dall'Isis: era il capo dei terroristi, ucciso prima dell'attacco

L'uomo decapitato dai terroristi nell'impianto di gas a Saint-Quentin-Fallaviern, vicino Lione, in Francia, sarebbe il gestore di una società di trasporti con sede a Chassieu e come scrive Le Dauphiné Libéré si trovava nella fabbrica per una consegna e a quanto chi lo ha decapitato era uno suo dipendente.

Il pompiere eroe - L'attacco dei due terroristi dell'Isis poteva avere conseguenze ancora più drammatiche se non fosse intervenuto un pompiere dell'Sdis, Servizio dipartimentale per gli incendi e il soccorso, a bloccare uno dei due criminali, come spiegato dal ministro degli Interni transalpino Bernard Cazeneuve, che ha lodato "il sangue freddo" del vigile del fuoco. 

I due jihadisti - Bloccati i due presunti attentatori. L'uomo accusato di aver decapitato la vittima viene identificato come Yassim Salih, di circa 30 anni, già schedato per radicalizzazione nel 2006, misura non rinnovata nel 2008 come precisato dal ministro Cazeneuve. Dopo qualche ora è stato arrestato anche il secondo attentatore, nella sua casa di Saint-Quentin-Fallavier. Sono ancora in corso delle perquisizioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Giovanniv36

    27 Giugno 2015 - 12:12

    quel titolo a testa di cazzo.

    Report

    Rispondi

blog