Cerca

Con le ore contate

Il presidente della Grecia annuncia in tv: "Domani rimarranno chiuse tutte le banche greche e la Borsa di Atene"

Il presidente della Grecia annuncia in tv: "Domani rimarranno chiuse tutte le banche greche e la Borsa di Atene"

Da lunedì 29 giugno le banche di tutta la Grecia rimarrano chiuse e non aprirà neanche la Borsa di Atene. Lo ha confermato il presidente greco Alexis Tsipras dopo un pomeriggio complicatissimo a colloquio con i consiglieri finanziari del governo e gli annunci di Francoforte sulla conferma dei fondi di emergenza della Bce. Tsipras ha invitato i greci a mantenere la calma, rassicurandoli che i depositi sui conti correnti non saranno a rischio. Il leader di Siriza ha accusato proprio la Bce di averlo costretto a tenere chiuse le banche in tutto il Paese, non avendo ancora ricevuto conferme sulla conferma dei fondi Ela, cioè denaro liquido in prestito previsto per i casi di emergenza. E poi ha attaccato chi ha criticato la decisione di Atene di indire un referendum, del quale non è ancora chiaro il quesito. Nel pomeriggio Mario Draghi aveva deciso di non chiudere i rubinetti alle banche greche che non saranno così costrette a chiudere per mancanza di denaro liquido, ma forse non basterà. Poco prima che in Grecia si riunisse il Consiglio per la stabilità finanziaria della Grecia per discutere della situazione del sistema bancario greco, la Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati i fondi dell'Emergency liquidity assistance (Ela), mantenendo così: "il massimale per la concessione di liquidità di emergenza alle banche greche allo stesso livello deciso il 26 giugno". Una decisione che il Consiglio direttivo e Mario Draghi si dicono pronti a riconsiderare, nel caso ce ne sarà bisogno.

La mossa di Draghi - Da Francoforte arrivano rassicurazioni per la Grecia dopo la decisione del Governo di Alexis Tsipras di indire il referendum sulla scelta di Atene davanti alle decisioni Ue, in programma il prossimo 5 luglio, e dopo "la mancata proroga del programma di salvataggio" in scadenza il prossimo 30 giugno. La Bce dice che: "Lavorerà a stretto giro con la Banca di Grecia per mantenere la stabilità finanziaria". Il Consiglio direttivo della Bce ha accolto "con favore" l’impegno da parte dei ministri degli Stati membri dell’area dell’euro "di prendere tutte le misure necessarie per migliorare ulteriormente la resistenza delle economie dell’area dell’euro e di essere pronti ad adottare delle misure per rafforzare l’Unione economica e monetaria".

In Grecia - Diversi bancomat sono rimasti privi di contanti ad Atene, mentre l’incertezza sui prossimi sviluppi della crisi ellenica spinge la gente a ritirare il denaro. Lo segnala un tweet del giornalista del Guardian Jon Henley, che invia la foto di un bancomat dove compare l’avviso sull’impossibilità di fornire contanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    29 Giugno 2015 - 12:12

    Ma chi si credono di essere sti Greci .... noi i sacrifici li abbiamo fatti , loro hanno solo saputo sparare cazzate e imbrogliare nei bilanci. Non sono paese da tenere nell'euro. E inizino a uscire il portafoglio ... cacciate tutto il grano che vi abbiamo dato. Altrimenti vendetevi qualcosa ....

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    28 Giugno 2015 - 22:10

    juncker aveva detto durante la campagna elettorale greca che il pericolo era alba dorata e non tsipras. vedo vedo . i greci poi cosa speravano votando comunista ?? il naufragio era garantito

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    28 Giugno 2015 - 21:09

    No problema ci penserà san Putin

    Report

    Rispondi

blog