Cerca

Il fallimento della Grecia

L'Eugruppo valuta la controproposta di Atene, ma Merkel gela le trattative

Angela Merkel

Angela Merkel

Ore febbrili a Bruxelles, in attesa di trovare un’intesa per la Grecia. La Commissione Europea ha fatto un tentativo in extremis per riportare al tavolo delle trattative il primo ministro greco, Alexis Tsipras, il quale ha rilanciato con una controproposta che consiste in un programma di aiuti biennali dell’Esm (il meccanismo permanente europeo salvastati) e in una ristrutturazione del debito. La Merkel ha però gelato le aspettative di un avvicinarsi della soluzione, facendo trapelare che a suo giudizio"non ci saranno sviluppi oggi sulla Grecia".

La riunione - L’Eurogruppo si riunirà in seduta straordinaria stasera alle 19 per discutere della nuova iniziativa di Atene. Stamane, da Bruxelles era arrivato un ’assist’ per il governo greco: la Ue aveva chiesto al governo greco una campagna per il ’sì al referendum e in cambio, accettando di discutere il tema di una riduzione del debito e riproponendo lo schema di accordo proposto sabato scorso dalle istituzioni. Secondo fonti comunitarie, il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, aveva detto a Tsipras di essere disposto a convocare un Eurogruppo di emergenza oggi che stanzi immediatamente nuovi aiuti se il premier ellenico avesse inviato un’accettazione scritta dei termini proposti dai creditori per  il varo di un nuovo programma. Juncker avrebbe inoltre promesso uno riscadenzamento del debito di Atene se al referendum vinceranno i sì. Tsipras avrebbe valutato la proposta e presentato poi un’altra, dopo averne parlato a telefono con Juncker e Draghi.


Proseguono i contatti delle autorità greche sia con Bruxelles che con la Bce. L’esito del referendum in Grecia non sembra
preoccupare il governo italiano. "L’Italia è già fuori dalla linea del fuoco", ha chiarito al Sole24ore il premier Renzi che si è sentito al telefono con Tsipras alcuni minuti fa. "La mia preoccupazione non è per ciò che potrebbe accadere all’Italia, ma per gli scenari globali di difficoltà che si potrebbero aprire", ha aggiunto Renzi. "Massimo rispetto per le decisioni del popolo e del governo
greco" è stato espresso dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che ha difeso la condotta dell’esecutivo italiano accusato da alcuni di essere stato assente nel dibattito sulla Grecia. Il governo, ha detto, è da sempre "impegnato allo scopo di ottenere risultati e non visibilità". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    30 Giugno 2015 - 20:08

    L'economia mondiale affidata al nuovo Kaporale in gonnella.Tremo!!!

    Report

    Rispondi

blog