Cerca

Default ellenico

Grexit, l'Eurogruppo è rinviato al 1 luglio: Tsipras chiede nuovi aiuti, ma Angela Merkel dice no

Grexit, l'Eurogruppo è rinviato al 1 luglio: Tsipras chiede nuovi aiuti, ma Angela Merkel dice no

Stasera 30 giugno a mezzanotte se, come appare inevitabile, Atene non verserà al Fondo monetario internazionale la rata da 1,6 miliardi di euro di prestiti in scadenza, la Grecia entrerà in default tecnico: l’anticamera del Grexit. Per questo oggi è scattata una serie di trattative last minute tra Bruxelles e Atene, culminata con la richiesta del premier greco, Alexis Tsipras di una terza tranche di aiuti a cui l’Eurogruppo ha replicato rinviando a domani la sua risposta e precisando che “è troppo tardi per estendere il programma di aiuti alla Grecia”. In precedenza la cancelliera Angela Merkel aveva già dettato la linea sostenendo che “Berlino non prenderà in considerazione l’ipotesi di un terzo salvataggio per la Grecia, come proposto da Atene, prima dell’esito del referendum di domenica prossima”.

Le richieste - La trattativa last minute era stata avviata dal presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker il quale ha detto a Tsipras di essere pronto a convocare un Eurogruppo di emergenza per stanziare nuovi aiuti alla Grecia, a patto che il premier accetti di fare campagna per il sì al referendum. Inoltre Juncker si è impegnato a riscadenzare il debito greco se al referendum vinceranno i sì. La risposta di Atene si è fatta attendere e nel pomeriggio Tsipras, che ha anche sentito Matteo Renzi al telefono, ha avanzato la richiesta di un programma di aiuti biennali dell’Esm, il meccanismo permanente europeo salvastati, e di una ristrutturazione del debito.

Bocciature ed Eurogruppo - Il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ha convocato in teleconferenza i ministri delle Finanze europei per discutere la nuova proposta di Atene, ma è stato preceduto dalla doccia gelata della Merkel, la quale ha escluso ulteriori sviluppi per oggi, precisando che Berlino non intende discutere di nuovi aiuti prima del voto greco. Anche il Fmi ha chiarito che in “nessun modo” l’Eurogruppo potrà rilasciare finanziamenti alla Grecia che possano consentire ad Atene di evitare il default tecnico. In serata è poi arrivata la notizia del rinvio a domani della riunione dell’Eurogruppo, condita dalla precisione che “è troppo tardi per un’estensione del programma di salvataggio della Grecia”, che scade stanotte a mezzanotte. Dunque la Grecia non verrà salvata in extremis, il default o comunque il rinvio dei pagamenti al Fmi sarà inevitabile. E il referendum si terrà con la paura di una possibile, incombente Grexit.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sempre-CDX

    30 Giugno 2015 - 22:10

    Praticamente Tsipras ha chiesto il taglio del Debito, altro che i nostri obbedienti politici .....

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      01 Luglio 2015 - 07:07

      Chiedere per chiedere, Tsipras poteva anche chiedere la cura per il cancro, ma il verbo ha potere creativo solo se pronunciato da Dio...

      Report

      Rispondi

blog