Cerca

Il retroscena

Angela Merkel, il piano per farla uscire dall'euro

Angela Merkel, il piano per farla uscire dall'euro

Il no di Angela Merkel alla controproposta di Atene ha spiazzato tutti. La Cancelliera ha detto chiaramente che prima del referendum di domenica non si fa nessun accordo. Molti si chiedono perché Frau Merkel abbia preso questa posizione proprio lei che per mesi aveva cercato di trovare un compromesso. Il suo piano è - come spiega il Corriere della Sera - quello di perdere una battaglia per poter vincere la guerra. Lei non è più pronta a salvare a qualsiasi prezzo Atene perché la posta che c'è in gioco per lei è altissima: di mezzo c'è l'Europa. D'altronde lei lo ha detto chiaramente: "Se fallisce l'euro, fallisce lo'Europa".

I due fronti - La Merkel si trova contro sia un fronte interno, la maggioranza dell'opinione pubblica tedesca contraria a dare nuovi aiuti in Grecia in cambio di nulla. e sul piano esterno ha l'ostilità di un gruppo nutrito di partner dell' Eurozona che non avrebbe mai accettato regali ad Atene. Ma soprattutto Angela Merkel vuole salvare se stessa, lei che ha legato la sua ascesa alla costruzione di un'Europa forte e credibile. Certo, come scrive il Corriere,  Frau Merkel, non ha nessuna intenzione di passare alla storia come colei che disfece ciò che Kohl costruì.
.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • babbone

    01 Luglio 2015 - 16:04

    Ha ragione Frau Merkel, comunque ribadisco, la rovina è stato l'abbattimento del muro di Berlino.

    Report

    Rispondi

  • dodo1861int

    01 Luglio 2015 - 14:02

    il filosofo e lo statista hanno voluto il referendum ne accettino le conseguenze, troppo furbi questi Greci, per la prima volta la Merkel ha ragione.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    01 Luglio 2015 - 11:11

    La crisi greca è la certificazione del fallimento della UE così come si è andata conformando in questi ultimi 10 anni. Fondare una unione di popoli sul potere finanziario, sul potere bancario lasciando che un paese egemonizzi l'unione è stato il grave errore compiuto dai leader europei. Ora siamo a un bivio. Continuare su questa strada porta solo alla disgregazione. Occorre cambaire, e in fretta.

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      01 Luglio 2015 - 13:01

      ma lei non pensa che se non ci fosse stata la UE la Grecia sarebbe fallita da tempo e i greci patirebbero tutti (o quasi) la fame?

      Report

      Rispondi

      • sfeno

        01 Luglio 2015 - 16:04

        idem l'italia che per entrare nella UE ha usato l'infame trucco di dimezzare il debito pubblico pagando l'euro al doppio della Germania provocando cosi l'inflazione interna .......se io avessi un impresa dove il commercialista mi costasse piu di quello che rendesse sarei costretto a chiedere continuamente finanziamenti che in definitiva non potrei mai pagare

        Report

        Rispondi

        • Schwefelwolf

          01 Luglio 2015 - 20:08

          Mi perdoni, ma Lei non sa di cosa parla: al momento dell'introduzione dell'Euro il cambio DM/Lira era di 1: 989,99. La lira è stata convertita a € in rapporto 1 € = 1936,276 Lire, il marco in rapporto 1 € = 1,95583. Il cambio Lira/DM è quindi rimasto - in Euro - matematicamente identico al preesistente. Si consoli pensando che l'Italia è piena di gente che si è bevuta la "palla" dell'€ = DM.

          Report

          Rispondi

  • capcap

    01 Luglio 2015 - 11:11

    "Ma soprattutto Angela Merkel vuole salvare se stessa, lei che ha legato la sua ascesa alla costruzione di un'Europa forte e credibile. Certo, come scrive il Corriere, Frau Merkel, non ha nessuna intenzione di passare alla storia come colei che disfece ciò che Kohl costruì." SOLO I DITTATORI VOGLIONO SALVARE SE STESSI!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog