Cerca

Lo scontro

Ue, nervi tesi tra Juncker e gli eurodeputati: "Stai sempre al telefono", "Basta sciocchezze, sto mandando sms a Tsipras"

Ue, nervi tesi tra Juncker e gli eurodeputati: "Stai sempre al telefono", "Basta sciocchezze, sto mandando sms a Tsipras"

Telefonini bollenti nell'Eurozona e tensione alle stelle. Tutta colpa degli sms scambiati dal presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. Succede che il lussemburghese, davanti agli eurodeputati seduti davanti a lui per discutere della crisi greca, si dimostri un po' troppo distratto, tutto intento a leggere lo schermo del proprio cellulare. L'ungherese Krisztina Morvai allora prende la parola per attaccarlo frontalmente: "E' sempre e solo appeso al telefono, non conosce i problemi del mondo". Juncker, a quel punto, sbotta: "Lasciatemi stare, sto lavorando, basta dire sciocchezze". E poi, finalmente, svela la verità: "Mi sto messaggiando con il premier greco (Alexis Tsipras, ndr). Non so se voi avete modo di farlo, però è mio dovere farlo oggi. Sto facendo il mio lavoro". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ben Frank

    Ben Frank

    08 Luglio 2015 - 06:06

    Bella foto, si sta esercicando nel "Sieg Heil"?

    Report

    Rispondi

  • Argonauta

    07 Luglio 2015 - 16:04

    Non è vero sta giocando in borsa con i nostri soldi

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    07 Luglio 2015 - 14:02

    o col cambusiere per tenerti da parte le bottiglie di superalcolici per il festino serale????

    Report

    Rispondi

blog