Cerca

Nuove misure

Se in Francia fai la "mano morta" in metro rischi 5 anni di carcere

Se in Francia fai la "mano morta" in metro rischi 5 anni di carcere

"Una mano sul sedere può costarti fino a cinque anni di prigione". Il governo francese dichiara battaglia alla mano morta sui mezzi pubblici e, in generale, a ogni forma di molestia contro le donne.

"TakeBackTheMetro" era la campagna di alcune associazioni femministe rendere i mezzi pubblici luoghi meno "ostili" per le donne, visto che secondo alcune ricerche si è scoperto che nove francesi su dieci hanno sperimentato almeno una volta un caso di molestie su bus e metro: battute sessiste e volgari, fischi, "mani morte" ma anche aggressioni verbali o fisiche. Tutto questo colpisce le donne al punto che molte cambiano le proprie abitudini: evitano alcune stazioni di notte, non indossano più tacchi o minigonne, hanno paura.

Il sottosegretario ai Diritti delle Donne, Pascale Boistard, ha lanciato una campagna con dodici misure per lottare contro le molestie negli spazi pubblici, in particolare nei trasporti: «Le donne hanno il diritto di muoversi in sicurezza, dove vogliono e quando vogliono. Questa libertà elementare non è oggi garantita in modo sufficiente nei mezzi pubblici. Una mano sul sedere può costarti fino a cinque anni di prigione. Il reato di molestia è punito in modo pesante dalla legge, con pene detentive e notevoli ammende».

In collaborazione con le aziende dei trasporti pubblici, dopo l'estate sarà lanciata una «grande campagna di mobilitazione contro questi atti e parole che le donne subiscono quotidianamente». Addirittura, la battaglia si estende anche alle «pubblicità sessiste» in autobus e metropolitane. E questo, forse, è un tantino esagerato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    11 Luglio 2015 - 10:10

    Ah, ah, ah.....In Italia e, in specila modo a roma, questa legge sarebbe inapplicabile! Avete mai viaggiato su una metro o su un mezzo pubblico?

    Report

    Rispondi

blog