Cerca

Tensione alle stelle

Israele, voci inquietanti: "Già pronti alla guerra nucleare con l'Iran, come e quando attaccheremo"

Israele, voci inquietanti: "Già pronti alla guerra nucleare con l'Iran, come e quando attaccheremo"

Con l'accordo sul nucleare con Teheran, assicura il presidente Usa Barack Obama, "abbiamo evitato una guerra". L'ottimismo di Washington non trova riscontri tra Gerusalemme e Tel Aviv, dove il governo israeliano continua a prepararsi all'eventualità di uno scontro militare devastante contro l'Iran, con o senza boma atomica in mano all'ayatollah. E' dal 2013, come rivelò l'ex premier Olmert, che Israele è pronto a lanciare l'offensiva "preventiva". Ora, come scrive il Foglio, stanno emergendo nuovi dettagli inquietanti. Il capo di stato maggiore israeliano Gadi Eizenkot ha messo il suo vice Yair Golan a capo di una squadra speciale per preparare la missione. Un mese fa, scrive il Foglio, "cento piloti israeliani si sono addestrati in voli a lungo raggio sulla Grecia. E Israele avrebbe chiesto alla Lockheed -Martin, che produce gli F-35, di aumentare del 30% l'autonomia di volo, per coprire 1.500 chilometri". La distanza fra Gerusalemme e Teheran, ovviamente. Nel frattempo, un team dell'aviazione israeliana si trova in questi giorni a Fort Worth, in Texas, per sviluppare e conoscere il prototipo di caccia in dotazione all'aviazione israeliana dal 2016.

"Quando attaccherà Israele" - L'accordo sul nucleare, anziché raffreddare la tensione, l'aumenterà. "Noi pensiamo che l'Iran violerà l'accordo, forse non subito, ma un domani di sicuro - spiega al Foglio il generale della riserva Giora Eiland -. Dopo l'accordo modererà la sua politica, diventerà più mansueto, più stabile, più cooperativo? Falso. L'accordo fornisce all'Iran incentivi a sostenere il terrore". "Dal punto di vista militare, Israele non può fare niente finché l'accordo è in piedi - spiega ancora il generale -. Se ci sarà una crisi dell'accordo, allora Israele attaccherà. Politicamente il dilemma è se premere sul Congresso contro l'accordo oppure no. Netanyahu è probabile che spinga per un confronto ancora più duro con Obama".

Le due opzioni in campo - "Israele si sta già preparando all'opzione militare - conferma il corrispondente militare israeliano Ron Ben Yishai -, acquistando armi avanzate e potenziando le proprie capacità". "Israele rafforzerà l'intelligence sull'Iran per minimizzare il rischio di una sorpresa strategica, migliorerà la difesa missilistica, così come gli attacchi aerei e navali, si preparerà per un potenziale attacco preventivo contro gli impianti nucleari iraniani e Hezbollah, che dovrà essere attaccato allo stesso tempo, perché è chiaro che avrà un ruolo pro-attivo nel conflitto tra Israele e Iran". Se l'Iran violerà gli accordi, dando segnali inequivocabili di stare per ultimare la bomba, "Israele avrebbe non più di due mesi per attaccare - conclude Ben Yishai -, specie se non è sicuro che lo faccia l'America. L'Iran ha più volte dichiarato di voler cancellare lo stato ebraico dalla mappa geografica". Lo scenario, più estremo, è però un altro: "Un giorno ci svegliamo e scopriamo che l'Iran ha già la Bomba. Allora ci dovremmo preparare a una nuova Guerra fredda, perché in quel caso l'opzione militare israeliana diventerebbe di mera deterrenza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramius

    16 Luglio 2015 - 18:06

    secondo me vedremo la sparizione dell'Isis e di al Baghdadi è questa la richiesta in cambio e fra non poco anzi sono già sul terreno ma ora faranno sul serio gli Iraniani con i pasdaran forse mi sbaglio vedremo

    Report

    Rispondi

  • gabrybaeca

    16 Luglio 2015 - 12:12

    Avete poco da festeggiare poveri iraniani, preparate i rifugi perché tra poco i sionisti scateneranno l'inferno...possibile che nessuno legga o abbia letto alcune profezie, il Nuovo Ordine Mondiale , i grandi capitalisti e banchieri mondiali, la massoneria mondiale ha deciso così ed il braccio armato è purtroppo la cricca sionista che ha in dotazione ed adopera sofisticati armamenti Usa...

    Report

    Rispondi

    • travis_bickle

      16 Luglio 2015 - 13:01

      MA dai, credi che abbiano davvero il coraggio di attaccare l'Iran?

      Report

      Rispondi

    • fiordi.ale

      16 Luglio 2015 - 13:01

      È disarmante vedere come certe persone si ostinano in difesa dell'indifendibile, in particolar modo se donne...... Se non ricordo male anche un certo Adolf Hitler li definiva cricca sionista! La triste realtà è che tra non molti anni saremo governati da Allah, allora si che saranno dolori, soprattutto per le donne.

      Report

      Rispondi

  • Italotrend

    16 Luglio 2015 - 12:12

    Comprensibili preoccupazioni. Israele attaccherà quando si capirà chi andrà al posto di Obama.

    Report

    Rispondi

  • routier

    16 Luglio 2015 - 11:11

    Ennesima "obamata" di questo coloured messo in modo improvvido alla Casa Bianca. Gli americani si pentiranno mai abbastanza per averlo votato ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog