Cerca

Legge boomerang per l'economia del paese

L'Egitto vuole islamizzare Sharm
A rischio le vacanze su Mar Rosso

Una legge del governo Morsi impone il trasferimento della proprietà degli hotel a egiziani doc. Il prossimo passo potrebbe essere il divieto degli alcolici e dei bikini

Gli alberghi delle località turistiche sono l'unica fonte costante di valuta straniera
L'Egitto vuole islamizzare Sharm
A rischio le vacanze su Mar Rosso

Gli islamici egiziani guidati dal presidente Mohamed Morsi vogliono "papparsi" gli hotel di Sharm el Sheikh, la celebre località sul Mar Rosso che ogni anno attira milioni di turisti dall'Europa e dalla Russia. Turisti che sono ormai una delle poche fonti costanti di valuta straniera pregiata, in un Egitto in cui il governo ha contingentato l'acquisto di dollari da parte delle banche dopo la corsa al biglietto verde scatenata dalla pesante svalutazione della lira egiziana. Con gli alberghi e i musei del Cairo deserti per le continue violenze nella capitale e le crociere sul Nilo che non si vendono più come una volta per il timore di attacchi terroristici nei maggiori siti archeologici, Sharm è ormai vitale per l'economia egiziana. Ma rischia di subire un duro colpo dalla legge approvata lo scorso settembre dal nuovo regime islamico egiziano e che potrebbe iniziare a produrre i suoi effetti nelle prossime settimane. Impone, la legge, ai proprietari di hotel con doppia nazionalità di vendere entro sei mesi i propri immobili a cittadini "nati da genitori egiziani" e impedisce pure di trasferire i beni a eredi con doppio passaporto.

Una sorta di nazionalizzazione, intesa come "egizianizzazione" delle attività alberghiere, che fa temere scenari preoccupanti. Perchè il passo successivo potrebbe essere il divieto di consumare alcolici negli alberghi (i tantissimi turisti russi non verrebro più) o il divieto di stare in spiaggia in bikini (il topless è già, di fatto, bandito visto che nessuna turista vi si azzarda per non avere "incollati" addosso gli occhi di bagnini e istruttori di acquagim). Per l'industria turistica egiziana, che dopo la rivoluzione che ha deposto Hosni Mubarak ha sofferto di cali a doppia cifra percentuale e che solo ultimamente si è in parte ripresa, sarebbe il colpo di grazia con effetti devastanti non solo su politiche monetarie e Pil, ma anche sull'occupazione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    15 Febbraio 2013 - 08:08

    L'Egitto è un Paese arabo e islamico...quindi automaticamente,un Paese di merda ! Perchè meravigliarsi di questa deriva islamica?

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    12 Febbraio 2013 - 16:04

    Questo è talmente scemo che l'unica vera ricchezza del paese la perdera'! Cavoli loro vadano in spiaggia questi beduini con le donne rigorosamente separate dagli uomini i turisti ...quilli con i soldi li sogneranno con il binocolo! Razza di ignoranti ritardati mentali.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    11 Febbraio 2013 - 19:07

    che le spiagge non siano più accessibili ai turisti che , grave scandalo , si presentano in costume da bagno per giunta in promiscuità. Contenti loro di non vedere più turisti...moriranno di fame un po' di più , è una loro scelta .Di spiagge è pieno il mondo.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    11 Febbraio 2013 - 11:11

    Barbari fanatici.

    Report

    Rispondi

blog