Cerca

Saturno contro

Germania, rivolta nella Cdu contro Angela Merkel: 60 dissidenti

Germania, rivolta nella Cdu contro Angela Merkel: 60 dissidenti

Nella seduta del Parlamento tedesco di ieri, 18 luglio, Angela Merkel è stata accolta da un caloroso applauso che festeggiava il suo sessantunesimo compleanno. Prima la dolce carota, poi la mazzata: una sessantina di deputati della sua Cdu hanno annunciato che avrebbero votato contro l'approvazione del piano d'aiuti alla Grecia. In ogni caso Il Bundestag tedesco ha ampiamente approvato l'avvio di negoziati per un terzo pacchetto di aiuti allo stato ellenico, con 439 voti a favore e 119 contro (40 gli astenuti). Ma proprio in quei 119 bastoni fra le ruote di Frau Merkel sta il cruccio della cancelliera tedesca: ci sono le prime avvisaglie di un calo di fiducia da parte degli esponenti del suo stesso partito, l'Unione Cristiano-Democratica. Certo le contrattazioni per la risoluzione della crisi greca hanno giocato un ruolo fondamentale nella crescita di questa piccola porzione formata da una sessantina di dissidenti: mal digerita la mano tesa a salvare una Grecia annaspante nell'acqua alta. Per farsi adorare da tutto il suo partito sembra che la chiave sia solo il pugno di ferro. Ma d'altra parte non si può sempre piacere a tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Kallianos

    18 Luglio 2015 - 19:07

    I tedeschi, cristiano democratici o no, sono rimasti legati, con il loro bisogno di pugno di ferro, a quella concezione egemonica che si è estrinsecata in modo eloquente con il "nazismo". Mi chiedo se non sia indole di assetto genetico. Ma questo è. Ogni deroga a questo schema è mal digerito e viene vissuto come un tradimento. Questo è.

    Report

    Rispondi