Cerca

Tagliagole isis

Jihadi John troppo famoso: costretto a fuggire in Siria

Jihadi John troppo famoso: costretto a fuggire in Siria

All'anagrafe fa Mohammed Enwazi. Ma con quel nome lo conoscono i parenti e pochi altri. Invece, tutti sanno chi è, purtroppo, Jihadi Jonhn. L'uomo con accento britannico protagonista di decine di video-horror nei quali, mascherato in tuta e passamontagna neri, decapita gli ostaggi occidentali caduti nelle mani del califfato islamico. Dopo alcuni mesi di popolarità planetaria, di lui da qualche mese si erano perse le tracce. E il motivo lo svela il quotidiano La Repubblica: a jihadi John le cose avrebbero cominciato a girare male. L'estrema popolarità che lo ha circondato, lo avrebbe infatti messo in cattiva luce tra i tagliagole dell'isis: invidie, gelosie., Così, secondo informazioni dell'intelligence britannica, il boia avrebbe fatto baracca e burattini, temendo per la sua stessa vita, e sarebbe fuggito in Siria. Chissà se lì sarà più facile catturarlo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Desmofranco

    27 Luglio 2015 - 02:02

    Se vieni in Italia ti aspetta un sacco di lavoro..ti si compra un bel coltello nuovo e ti si mette a Roma...avoglia che tagliar di teste!!!

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    27 Luglio 2015 - 00:12

    Più che catturarlo, bisognerebbe scovare un manuale medievale sulla tortura e, legatolo ad una robusta sedia, somministrare tutti i trattamenti descritti. Mi pare che Lorenzo il Magnifico raccomandasse un giorno di pausa tra una seduta e l'altra per prolungare la tortura e permettere al paziente di meditare. Infine, andrebbe legato tra quattro auto mani e piedi e lentissimamente squartato.

    Report

    Rispondi

  • grisostomo

    grisostomo

    26 Luglio 2015 - 22:10

    Impalatelo. Leggete la vita e le opere di Vlad Drukùl, voivoda di Transilvania

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    26 Luglio 2015 - 21:09

    Chi di spada ferisce di spada perisce, presto brucerà all inferno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog