Cerca

nello Zimbabwe

Ucciso il leone Cecil: il suo killer è un dentista americano

Ucciso il leone Cecil: il suo killer è un dentista americano

Era il leone più amato del Parco nazionale Hwange nello Zimbabwe. Cecil, 13 anni, è morto qualche giorno fa, ucciso al termine di una battuta di caccia. A sparargli è stato non un bracconiere o un cacciatore di professione, ma un dentista americano di Milwaukee, Walter James palmer. L'uomo, appassionato di safari, ha pagato 55mila dollari a un fattore locale a un cacciatore per la caccia al leone. I due complici sono stati arrestati e verranno processati per bracconaggio, mentre il dentista è ancora ricercato.

Palmer, già condannato in passato per avere sparato ad un orso nero in Wisconsin, ha rilasciato un comunicato dopo essere stato identificato dalle autorità dello Zimbabwe, che lo starebbero ricercando. L'uomo sostiene di non essere stato ancora contattato, neppure dalle autorità statunitensi.

"Ignoravo totalmente che il leone fosse conosciuto e fosse il preferito (del parco), che avesse sul corpo un segnalatore e fosse oggetto di studi prima della fine della caccia", spiega Palmer, che vive alla periferia di Minneapolis, a Eden Prairie. "Sono profondamente rammaricato dalla morte di questo leone. Adoro e pratico con responsabilità questa attività, sempre nel rispetto della legalità", aggiunge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • egobz

    01 Agosto 2015 - 10:10

    Gli sparerei centrandogli i coglioni a sta faccia di culo!

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    30 Luglio 2015 - 08:08

    la testa è molto grossa, ma deve essere vuota!!

    Report

    Rispondi

  • Il Popolo

    29 Luglio 2015 - 13:01

    Non si può ma se si potesse sparare a questo coglione mi candiderei. Purtroppo la loro cultura è pari al nulla e lo dimostrano ogni giorno

    Report

    Rispondi

  • VEPA53

    29 Luglio 2015 - 12:12

    Sedia elettrica per tutti i protagonisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog