Cerca

Tiè

Isis, le tre donne cecene che hanno fregato i tagliagole: così li hanno ridotti sul lastrico

Isis, le tre donne cecene che hanno fregato i tagliagole: così li hanno ridotti sul lastrico

La storia di tre donne cecene ha dell'incredibile. Con coraggio da vendere e astuzia, hanno fregato soldi a tre militanti dell'Isis e li hanno lasciati con un palmo di naso. Obiettivo della truffa di queste tre donne erano tre uomini dell'Isis, i tagliagole del califfato. Adescate le donne su internet attraverso i social network, i tre hanno cercato con ogni mezzo di convincere le belle donzelle a raggiungerli in Siria per sposare loro e l'ideale della Guerra santa. Le tre eroine comunicavano con loro attraverso profili falsi, con foto fake e informazioni lontane dalla realtà. I tre jihadisti erano certi di averle finalmente convinte a compiere il viaggio che avrebbe cambiato loro la vita, e hanno inviato i soldi alle tre cecene perché il tutto si realizzasse. E qui è scattata la truffa: come ladri consumati, le tre donne sono sparite nel nulla intascandosi i soldi, eliminando al volo gli account fake e cancellando ogni traccia della loro esistenza virtuale. Adesso viene la parte divertente. Le tre donne rischiano di essere accusate di frode ai danni dei tre jihadisti. Ma l'unico modo perché possano essere accusate è che i tre uomini escano allo scoperto e le denuncino. È più probabile che diventino atei e che si trasferiscano alla Casa bianca. Mentre le tre cecene se la spassano coi loro soldi.

Giulia Virzì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog