Cerca

Dittatura infinita

Germania, Der Spiegel: "Angela Merkel pronta a ricandidarsi per il quarto mandato"

Angela Merkel

L'Europa non si libera di Angela Merkel? Possibile, anzi probabile. La voce viene rilanciata da Der Spiegel, che spiega come la cancelliera del rigore intende ricandidarsi alle elezioni tedesche del 2017 per un quarto mandato. Secondo quanto scritto dal settimanale, Frau Angela avrebbe già avuto un incontro con esponenti e consulenti della Cdu per cominciare a discutere la strategia della prossima campagna elettorale. Una campagna elettorale che, dunque, si prospetta assai lunga: sempre secondo Der Spiegel, l'annuncio ufficiale della candidatura sarà dato all'inizio del prossimo anno.

Dieci anni al timone - Il prossimo 22 novembre la Merkel arriverà al decimo anno di mandato consecutivo: da quando ha preso il posto di Gerhard Schröder, in Germania, la Cancelliera è lei. Merkel, nonostante le recenti difficoltà per la gestione della crisi greca e la crescita dei movimenti euro-scettici, con buona approssimazione avrà ottime possibilità di trionfare per la quarta volta alle elezioni (nel 2013 la ultima vittoria-record al timone della Cdu, con cui ha formato un governo di coalizione). Per l'Europa, dunque, la minaccia continua: Angela non molla, e la linea del rigore è destinata ad allungarsi ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincenzo58

    09 Settembre 2015 - 14:02

    Io e da tanto tempo che penso che se si mette i baffi sembra hitler deve averne ereditato anche il cervello

    Report

    Rispondi

  • vincenzo58

    09 Settembre 2015 - 14:02

    Si chiamano partito democratico ma di democratico hanno ben poco classico atteggiamento da comunisti

    Report

    Rispondi

  • vincenzo58

    09 Settembre 2015 - 14:02

    Al peggio non c'è fine

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini.51

    01 Agosto 2015 - 20:08

    a Maddalenamaria: hai ragione, nessuno l'ha votato, nessuno lo vuole, molti lo odiano anche nel suo partito, ma lui rimane lì. Cosa possibile solo in un Paese di "pecoroni" come l'Italia, ci lamentiamo di continuo, ma non abbiamo il coraggio di agire

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog