Cerca

Guerra al terrorismo

Gli Stati Uniti contro l'Isis: primo raid aereo in Siria

Gli Stati Uniti bombardano l'Isis: primo raid aereo in Siria

L'America bombarda lo Stato Islamico. Si tratta del primo bombardamento dell'Aviazione americana contro le postazioni dell'Isis in Siria, e in particolare nel settentrione della regione. Il raid aereo è partito dal sud-est dell'Anatolia, dove ci sono basi aeree il cui utilizzo la Turchia ha concesso agli Usa in virtù di un accordo firmato il 29 luglio scorso. La posizione di queste basi permette infatti agli Stati Uniti di bombardare in maniera più efficiente le milizie dello Stato Islamico. La notizia è stata diffusa dalla Cnn facendo riferimento a fonti del Pentagono, anche se non si ha ancora certezza di quale sia la base aerea sfruttata per il raid. In ogni caso quella su cui il 29 luglio si è stretto l'accordo fra Ankara e Washington è posizionata a Incirlik, a circa 60 km dal confine con la Siria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    06 Agosto 2015 - 14:02

    mentre l' Italia "salva" i profughi lascia trucidare i curdi dagli amici anzi alleati turchi !!!! Infatti, per non offendere ergogan, ai curdi sono state inviate armi inutilizzabili. Evviva la coerenza renziana c'e d'andare fieri

    Report

    Rispondi

  • marco53

    06 Agosto 2015 - 03:03

    Ma figurati se ci credo! Obama non attaccherebbe mai i suoi confratelli musulmani. Secondo me stanno bombardando quei poveri cristi di Kurdi.

    Report

    Rispondi

  • marcymarcy70

    06 Agosto 2015 - 01:01

    hanno trovato la scusa buona per esportare la democrazia in siria, il prossimo della lista è l'iran. sisi, l'isis... i soldi per armarsi li ha vinti al lotto, e l'addestramento bellico è proprio tipico di quelle popolazioni...

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    06 Agosto 2015 - 00:12

    ...si chissà che sbagliando quelli di Obama vanno su Assad come vorrebbe la Turchia per mangiarsi parte della Siria ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog