Cerca

La tendenza

L' ultima porno perversione: sesso velato come nell' Isis

L' ultima porno perversione: sesso velato come nell' Isis

Con i loro video truculenti, girati tenendo d' occhio gli stilemi hollywoodiani, volevano penetrare nell' immaginario di tutto il mondo, in particolare quello occidentale, e ci sono riusciti. Ma, caso eclatante di eterogenesi dei fini, la situazione ha finito per sfuggirgli di mano e ora i militanti dell' Isis (e i loro non rari simpatizzanti) sono costretti a prendere atto di un fenomeno che appare in crescita inarrestabile: quello della pornografia velata. Non nel senso del vedo e non vedo, al contrario: parliamo di film dai contenuti più che mai espliciti, ma le cui disinibite interpreti indossano, anche durante le scene di sesso, il hijab, il velo con cui le donne, secondo una radicata tradizione musulmana, sono tenute a coprirsi il capo. Il successo che questi filmati stanno riscuotendo è tale da avere ormai reso il «hijab porn» un vero e proprio genere, al punto che alcuni siti per adulti lo hanno promosso al rango di categoria a sé stante, accanto alle varie e collaudate «fetish», «milf» e via elencando. Del resto c' era da aspettarselo. In un' epoca che ha frantumato il concetto stesso di trasgressione e in cui nulla è negato (se non all' esperienza, quantomeno allo sguardo), l' ultima barriera da infrangere era proprio quella del velo islamico.

L' infrazione, inesorabilmente, si è consumata, e adesso sono davvero tanti quelli per cui il massimo dell' eccitazione consiste nel vedere accostato a situazioni di totale dissolutezza il più noto simbolo di pudicizia e di negazione di sé. In realtà, sui siti che ospitano materiale hard, di video pornografici interpretati da donne orientali velate se ne vedevano da tempo, seppure non numerosi. Ma si trattava di cose anonime e girate in casa. La faccenda ha assunto i connotati e le dimensioni del fenomeno nel 2014, dopo che la società statunitense BangBros ha prodotto un filmato in cui la pornoattrice libanese (ma naturalizzata americana e di religione non islamica) Mia Khalifa ci dà sotto contemporaneamente con una matrigna (la cubana Juliana Vega) e un fidanzato.
Ed entrambe le donne indossano il hijab. Da quel momento la Khalifa, oltre a ricevere le minacce di rito di qualche fanatico musulmano, è divenuta una star del web e, appunto, ha dato il la alla nascita del filone della pornografia col velo. In un recente articolo di Cassandra Acciai, il sito della rivista «Nocturno» ha reso noto come, nell' immediato futuro, il «hijab porn» sia destinato ad arricchirsi di titoli sempre più curati e piccanti. A parte «Fantasy Massage», uscito da poco, in cui una donna degli Emirati Arabi alla ricerca di una massaggiatrice finisce per accoppiarsi - rigorosamente velata - con un marcantonio, entro la fine di agosto dovrebbe essere distribuito on line il film americano «Women of the Middle East», che, come scrive la Acciai, «quadruplica la portata della provocazione», dato che le protagoniste del lungometraggio saranno quattro ragazze ognuna delle quali porterà un differente tipo di velo: in ordine crescente di castigatezza, il hijab, il niqab, il khimar e il burqa.

Nell' ultimo dei quattro episodi del film si vedrà una donna esercitare la prostituzione indossando il burqa: uno spunto che consente di affrontare un altro aspetto della controversa relazione fra islam ed eros nel mondo odierno. Tutti i dati disponibili sull' argomento, infatti, attestano che i massimi fruitori di pornografia sulla rete sono proprio i musulmani. I primi due Paesi a livello mondiale in cui è maggiore il traffico sui siti porno sono l' Iraq e l' Egitto, mentre un' indagine di Google ha rivelato che ben sei degli otto Stati al top nella classifica delle ricerche a luci rosse sono islamici: il Pakistan al primo posto, l' Egitto al secondo e poi l' Iran, il Marocco, l' Arabia Saudita e la Turchia. Non solo. Nel libro «La soldatessa del Califfato», scritto dai giornalisti Simone Di Meo e Giuseppe Iannini (Ed. Imprimatur), la 26enne Aicha, laureata in scienze della Comunicazione a Tunisi ed ex fiancheggiatrice telematica dello Stato islamico, racconta che l' Isis si procura denaro anche attraverso la prostituzione e la vendita clandestina di filmati che immortalano violenze e stupri inflitti alle prigioniere yazide e cristiane. Attualmente, dunque, a dominare il rapporto tra islam e sesso sembra essere soprattutto l' ipocrisia. Eppure i munafiqun, appunto gli ipocriti, sono annoverati tra gli avversari più insidiosi del Profeta. Dove? Nel Corano, il sacro testo che i bravi islamici dovrebbero conoscere a memoria.

Il Califfo e Mia Khalifa Sono i film più richiesti del momento: attrici con hijab e pure burqa Non c' è da stupirsi: i Paesi islamici sono i più grandi fruitori di siti hardL' ultima porno perversione Sesso velato come nell' Isis. Sopra, fotogramma da un film di «hijab porn». A destra, Mia Khalifa, la pornostar libanese che ha lanciato i primi film di sesso velato e che ha ricevuto anche minacce da estremistiSopra, fotogramma da un film di «hijab porn». A destra, Mia Khalifa, la pornostar libanese che ha lanciato i primi film di sesso velato e che ha ricevuto anche minacce da estremisti.

Giuseppe Pollicelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    10 Agosto 2015 - 12:12

    Lungo e dettagliato articolo, che al massimo può interessare i fanatici dei siti pornografici, una nuova "cultura". Non ci mancavano altro che gli Islamici. Chi lo ha scritto sembra non conoscere il termine con cui generalmente si indica la "guerra santa" dei musulmani. Ripetutamente scrive "Jihab" con la b finale, ove la traslitterazione dall'arabo è JIHAD. Perché chi scrive non si informa?

    Report

    Rispondi

    • Epimeteo

      11 Luglio 2016 - 18:06

      Commento inutile da parte di una persona che l'articolo non l'ha neanche letto...non viene menzionata neanche una volta la parola jihab/JIHAD, l'autore si è informato abbastanza riportando anche dati relativi a ciò di cui scrive, si tratta in ogni caso di un articolo di attualità spicciola senza, a mio avviso, nessuna pretesa di vincere il premio pulitzer, che può interessare anche a chi non sia avvezzo o interessato al mondo del porno o similari...se avevi voglia semplicemente di usare il termine traslitterazione per mostrare magari che ne conosci a pieno il significato, avresti potuto anche ipotizzare che in quel caso l'autore abbia piuttosto operato una trascrizione fonetica sbagliata, soprattutto sostenendo la tesi della disinformazione!

      Report

      Rispondi

  • tizi04

    10 Agosto 2015 - 10:10

    Tra un po ci sara` la nuova versione del detto lombardo (tradotto) :tira di piu` un pelo di "gnocca" che un carro di buoi" in "tira di piu` un pelo di gnocca che una pagina del corano" Se poi appartiene a una vergine o no chiedetelo agli islamici !

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    09 Agosto 2015 - 22:10

    Vi aspettavate qualcosa di diverso dai pii barbuti ? Saggezza popolare " tira più un pelo di f.... che un carro di buoi ".....

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    09 Agosto 2015 - 10:10

    Alla faccia dei caproni barbuti ahah

    Report

    Rispondi

blog