Cerca

Una volta al mese

Inghilterra, tre donne si provocano amenorrea per dedicarsi alla carriera

Inghilterra, tre donne si provocano amenorrea per dedicarsi alla carriera

Che fare figli possa bloccare la carriera lavorativa, lo si è già sentito, con tutte le polemiche del caso. Ma che anche il ciclo mestruale sia un ostacolo al successo professionale, questa è nuova. Tre donne inglesi hanno deciso di interrompere il loro ciclo mestruale per anni perché era loro di ostacolo alla carriera. Si tratta di Alanna Allen, 29 anni, titolare di cinque saloni di bellezza, priva di mestruazioni per 7 anni; Morgan Spicer, 27 anni, graphic designer, che usa la pillola contraccettiva senza interruzione da anni; Laura Zito, 29 anni, manager in una clinica medica privata, che per bloccare il ciclo si serve di particolari iniezioni. Certamente non è una pratica salutare, l'amenorrea forzata (l'assenza di mestruazioni) provoca squilibri nell'organismo. Ma a loro non importa, la concentrazione sul lavoro e niente dolore nè sanfue a ogni costo. Queste pratiche stanno diventando sempre più comuni fra le donne, che non vogliono subire ogni mese i dolori dell'utero che si contrae per espellere lo strato superficiale dell'endometrio sfaldato. Per molte donne i giorni del ciclo sono una tortura perché caratterizzati da dolore e malessere psico-fisico. Si è calcolato che ogni anno sono 17 milioni i giorni di malattia richiesti dalle donne inglesi a causa dei dolori mestruali. La decisione di queste donne, come di molte altre, è stata dunque di prendere una scorciatoia, di eliminare il problema alla radice. Ma prima o poi il corpo presenta il conto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziocanti

    21 Agosto 2015 - 09:09

    Contente loro....contenti tutti !!!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    21 Agosto 2015 - 08:08

    Pensare di farsi levare tutto no?...Qualcuna lo ha gia fatto.Via utero/ovaie e quant'altro utile a far carriera.

    Report

    Rispondi

blog