Cerca

Tragedia

Libia, affondati due barconi con quasi 500 migranti a bordo, scorti in mare duecento corpi

Libia, affondato un barcone con 400 migranti a bordo, si temono duecento morti

Un'altra strage di migranti nel Mediterraneo. Le autorità libiche hanno segnalato l'affondamento di due barconi con almeno 500 migranti a bordo, colato a picco nei pressi di Zuwara. Molti sarebbero rimasti bloccati nella stiva del barcone. Circa quaranta sono i corpi già recuperati, ma almeno duecento sarebbero stati avvistati galleggiare a circa un chilometro dalla costa: non si è potuto ancora recuperarli per scarsità di mezzi. Le autorità libiche hanno salvato 201 persone, e di queste 147 sono state portate in un carcere a Sabratha, a ovest di Tripoli. I migranti a bordo dell'imbarcazione provengono da Africa sub-sahariana, Pakistan, Siria, Marocco e Bangladesh.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabiettoFJ

    29 Agosto 2015 - 14:02

    Questo purtroppo è l'effetto della politica dell' accoglienza incondizionata della sinistra. Renzi e Co.ma quanti sono ormai gli scheletri nei vostri armadi ? E sopratutto quanto sono grandi sti armadi ?

    Report

    Rispondi

  • scostumato

    29 Agosto 2015 - 10:10

    Sior Renzi,rallegrati,che la tua coscienza è linda,ora che hai fatto arrestare due scafisti ! IPOCRITI e INERTI ! ( a libia affondati due barconi 500 migranti (Nota per la redazione : commento inviato 29agosto ore 22,08 )

    Report

    Rispondi

  • Luanabi

    28 Agosto 2015 - 23:11

    Chissà se ai prossimi gli servirà di lezione

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    28 Agosto 2015 - 20:08

    oK siria e pakistan, ma in marocco e bangladesh non mi risulta ci siano guerre. purtroppo è ora che qualche solone al governo capisca queste cose, non è più emergenza ma lo diventerà per gli italiani se invece di continuare a pontificare non cominciano ad espellere tutti quelli che non hanno nessun diritto di rimanere in Italia a nostre spese.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog