Cerca

La critica

Il New York Times accusa l'Europa sul caso immigrazione: "Avete lasciato sole Italia e Grecia"

Il New York Times accusa l'Europa sul caso immigrazione:

L'attacco arriva dall'altra parte dell'Oceano e a scagliarsi contro l'Europa è niente meno che il New York Times. L'analisi del quotidiano riguarda l'immigrazione. Il paesi più potenti del Vecchio Continente sono rimasti inermi a guardare i barconi approdare sulle coste più vicine al confine europeo. "Ha fatto poco per aiutare Italia e Grecia, i Paesi dove approdano molti dei rifugiati", che fuggono dalle guerre in Medio Oriente. Così scrive il quotidiano sull'Ue, sottolineando come fino ad ora abbia fallito nel mettere a punto un sistema condiviso di quote in modo da distribuire i flussi verso tutti i paesi europei. New York ha recriminato soprattutto il ruolo giocato da Francia e Regno Unito, che avrebbero potuto essere determinanti nel fermare l'ondata di clandestini disperati ammassati attorno alle loro frontiere.

Le parole vuote della Merkel - La cancelliera tedesca Angela Merkel si è detta profondamente scossa dalle notizie delle
ultime ore e ha colto l'occasione per lanciare un monito a tutti i paesi dell'Unione affinché si trovi un accordo comune per contrastare il fenomeno. Queste dichiarazioni non sono sfuggite al quotidiano americano che ha espresso scetticismo a tal proposito: "Ma abbiamo già ascoltato queste dichiarazioni prima". Il Nyt si augura comunque che questa volta sia veramente quella buona e che l'Europa sia adesso in grado di prendere le misure necessarie a fermare le tragiche morti di clandestini.

L'auspicio - Il giornale a stelle e strisce giudica "sciocchi quei Paesi europei che fino ad ora si sono rifiutati di intraprendere quelle azioni concertate che sono così palesemente necessarie". I paesi presi d'assalto dall'arrivo dei profughi sono l'Italia e la Grecia, "completamente sopraffatte", mentre la Serbia e la Macedonia, aspiranti paesi membri, "faticano a gestire la crisi". L'unica risparmiata dal Nyt è l'Austria con la sua proposta di creazione di un sistema di quote per tutti i 28 Paesi dell'Unione Europea, intensificando così la lotta ai trafficanti di migranti e che renderebbe l'Europa un porto sicuro per coloro che cercano aiuto. "Queste misure rappresentando il modo di pensare ingegnoso e compassionevole di cui l'Europa ha bisogno", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • c.camola

    01 Settembre 2015 - 11:11

    E hanno Ragione qui si è formata la discarica dell'europa.

    Report

    Rispondi

  • GASTONEM

    29 Agosto 2015 - 19:07

    La storia si ripete ,i crociati nella terra santa furono lo specchio delle divisioni tra cristiani in Europa .Mancò in Europa una coscienza Europea , che il cristianesimo non servì a nulla a fondare ahimè, furono condotte ,ispirate soltanto da egoismi e non da idealità a difesa dell'occidente . Dobbiamo stare attenti a questa europa....

    Report

    Rispondi

  • routier

    29 Agosto 2015 - 15:03

    L'America ha scoperto l'acqua calda. Che bravi !

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    29 Agosto 2015 - 14:02

    Finalmente qualcun altro, in forte ritardo, ha aperto gli occhi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog