Cerca

Nilufer Demir

Aylan, la donna che ha fotografato il bimbo morto a Bodrum: "Volevo far sentire l'urlo di quel corpo"

Nilufer Demir

"Volevo far sentire l'urlo di quel corpo". Spiega così la sua decisione di immortalare il piccolo Aylan morto sulla spiaggia di Bodrum la fotografa turca Nilufer Demir, 29 anni. Una foto tragica, di rara crudezza. Un'immagine che è già diventata un simbolo. E come spesso accade ai fotografi che realizzano scatti storici, la giovane donna non immaginava che il suo scatto avrebbe turbato il mondo. Camminava lungo la battigia, sulla spiaggia, quando ha scorto il corpo del bambino. Come riporta il Corriere della Sera, la fotografa ha detto:"Ho capito subito che era morto, che non c'era più nulla da fare". E poi ha scattato, senza esitazione. Non aveva alternative, doveva far sentire "l'urlo di quel corpo", come continua a ripetere a chi le fa domande su quanto accaduto. La fotografa lavora per l'agenzia Reuters ed è anche l'autrice dello scatto in cui si vede un gendarme turco che raccoglie il cadavere di Aylan per portarlo via dalla spiaggia, l'altra immagine simbolo della tragedia di Bodrum. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arsan

    04 Settembre 2015 - 20:08

    Nel rivedere le foto scattate del bimbo morto sulla spiaggia sorgono alcuni dubbi sulla verità dell'avvenimento La foto del piccolo sulla spiaggia è sproposionata rispetto a l'età di Aylan 3 anni nella foto sembra che ne ha 8 I capeli molto folti e lunghi, simili ad una parrucca, le braccia e le gambe sembrano di diplastica Nelle immagini del bimbo vivo i capelli sono molto corti Sospetti e dubbi

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    04 Settembre 2015 - 17:05

    ..ogni tragedia ha la sua foto ricordo...

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    04 Settembre 2015 - 17:05

    Alcune domandine alla presunta fotografa bugiarda. Ma, quando ha visto il corpicino riverso sulla spiaggia, come ha fatto a capire subito che era morto? E' forse un medico? Non si è precipitata a raccogliere il corpicino tentando di rianimare il bambino? Non si è preoccupata neanche di rivoltarlo faccia in su per verificare se respirava ancora o se gli si poteva fare una respirazione artificiale?

    Report

    Rispondi

blog