Cerca

L'emergenza

Profughi, da Vienna in auto all'Ungheria per "salvarli"

Profughi, da Vienna in auto all'Ungheria per

Un convoglio di circa 140 auto, guidate da volontari, è partito da Vienna alla volta dell’Ungheria per distribuire aiuti ai migranti in arrivo e anche raccogliere i rifugiati che rischiano di non arrivare in  Austria. "Diteglielo chiaro, diteglielo forte, i rifugiati sono i
benvenuti qui", scandivano le persone che hanno salutato la partenza del corteo, vicino a uno stadio di calcio, a Vienna.
Gli attivisti - organizzati via Facebook e carichi di cibo, acqua, prodotti sanitari, abbigliamento, giochi e animali di peluche - rischiano di incappare nel reato di traffico di esseri umani, ha avvertito la polizia, che però si è impegnata a garantire la sicurezza stradale del convoglio.


La marcia - "Devono essere folli se ci arrestano per il fatto di aiutare persone che hanno deciso volontariamente di venire in Austria", ha reagito Kurto Wendt, l’organizzatore austriaco della campagna, che ha detto di non temere di essere arrestato in Ungheria.  "Il nostro rischio è minimo rispetto a quello dei migranti". Wendt ha anche spiegato perchè non abbia voluto attendere in Austria l’arrivo delle migliaia di profughi: "Dieci ragazzini sono stati ricoverati nella notte: la gente è affamata, scarsamente vestita. Ogni giorno rischia di morire, per cui dobbiamo fare qualcosa immediatamente". Una donna 68enne, anche lei attivista della campagna, ha ricordato che da ragazzina aveva atteso al confine tra Austria e Ungheria l’arrivo degli ungheresi che fuggivano dalla rivolta del 1956 contro il regime sovietico: "Tutto veniva dato per scontato all’epoca. Quel che sta accadendo oggi è molto brutto". Il convoglio punta a entrare in Ungheria, dopo uno stop al centro di accoglienza di Nickelsdorf, al confine ungherese: alla partenza sono stati consegnati biglietti con i numeri di telefono di persone pronte a fornire assistenza legale in caso di arresto in Ungheria. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • exbiondo

    07 Settembre 2015 - 09:09

    vanno a sceglierli, prima che gli appioppino dei primati come quelli che arrivano da noi con i quali abbiamo in comune solo il pollice opponibile. Dai filmati visti la maggioranza sono famiglie normali che anche io avrei accolto

    Report

    Rispondi

  • routier

    07 Settembre 2015 - 09:09

    A quando i "pogrom" ? (spero mai, ma, nel merito, sono pessimista)

    Report

    Rispondi

  • Nanni60

    07 Settembre 2015 - 08:08

    Va bene di fronte a questo esodo.....ma c'è qualcosa che non mi quadra!!! Da noi ne abbiamo viste e sentite di tutti i colori e in Ungheria lì vanno a prendere in macchina? E il tappeto rosso????!!!!!

    Report

    Rispondi

  • filder

    06 Settembre 2015 - 23:11

    Mi domando con stupore cosa mai sia successo con i simpatici Tirolesi che che a quanto si dice ci rispediscono gli immigrati provenienti dall'Italia con gli interessi perché aggiungono anche i loro entrati dalle altre frontiere e che difficilmente sono identificabili da dove saranno entrati e siccome immigrati sono immigrati perché gli uni si e gli altri no, non sarà discriminazione di razza?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog