Cerca

Orrori

Moglie choc: "Mio marito ha violentato un cavallo, ma lo amo ancora"

Moglie choc:

Lui ha violentato una cavalla, ma la moglie lo ama ancora. Alan Blackman, 31 anni, è finito in manette per gli abusi ai danni di un animale in una stalla di Redenhall, nella contea di Norfolk. L'uomo, che il 23 ottobre verrà giudicato in tribunale, sarà sottoposto ad una perizia psichiatrica. Intanto, come riferisce il tabloid The Sun, può ancora contare sul sostegno di sua moglie. "Ha fatto una cosa disgustosa, ma continuo ad amarlo e non posso smettere da un momento all'altro", dice Josephine Blackman.

La coppia ha anche 3 figli. "Siamo tutti sconvolti per quello che è accaduto, ma non posso dire cosa succederà in futuro. Lui è ancora il padre dei miei figli. La cosa più dura è che lui sia sotto accusa per qualcosa che ha fatto a me o ai bambini. E' poi non è una cosa così grave come un omicidio", aggiunge. In realtà, dice ancora, il reato commesso dal marito non è proprio un fulmine a ciel sereno: agli inquirenti "ho detto che quando eravamo insieme da poco, all'epoca io avevo 18 anni, mi ha fatto domande sul sesso con i cavalli e mi ha mostrato delle foto prese dal web. Io ero schifata e non ne abbiamo più parlato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Fabius Maximus

    04 Ottobre 2015 - 20:08

    Considerate le dimensioni sessuali del cavallo, la cavalla non si sará sentita violentare, sempre e quando questo signore non sia un mostro,.... il che spiegherebbe perché questa gaudente signora continui a desiderarlo......... alla faccia della accusa di pedofilia nel caso che la cavalla avesse 17 anni ,11 mesi e 29 giorni.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    08 Settembre 2015 - 17:05

    Inglesi. Sicuramente non si sarà fatto il bidet, dopo, visto che sanno cos'è!

    Report

    Rispondi

    • infobbdream@gmail.com

      infobbdream

      09 Settembre 2015 - 09:09

      IL bidè è stato inventato apposta per le prostitute francesi un paio di secoli fa se non sbaglio, serviva per lo sciaquo della patonza delle prostitute dopo l'uso, gli inglesi così antagonisti dei francesi non lo usano nemmeno oggi solo perché oggetto frenacese, dal nome "bidè" , infatti credono che esso presente nei cessi degli hotel serva per fare la differenziata. alcuni ci mettono le birre.

      Report

      Rispondi

blog