Cerca

Venti di guerra fredda

La conquista del Polo nord: Usa e Russia si contendono i ghiacci ricchi di petrolio

La conquista del Polo nord: Usa e Russia si contendono i ghiacci ricchi di petrolio

Grandi manovre nell'Artico. La regione ghiacciata è ricca di petrolio e gas naturale (si stima il 22% dei giacimenti non ancora sfruttati), oltre a nichel, rame e platino. Alcune delle nazioni che si affacciano sul Mar Glaciale Artico: Danimarca, Norvegia, Canada,  Russia e Stati Uniti, si sono divise nel 2008 parte della regione ghiacciata, ma rimane, più a nord, ancora un vasto territorio che è terra di nessuno. Qui si concentra l'attenzione di Russia e Stati Uniti, entrambi interessati alo sfruttamento dei giacimenti, ma non solo. Infatti sembra che il mare sia ricco di pesce e lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe permettere l'avvio di nuove rotte navali molto più rapide delle attuali. Un ghiotto boccone economico- commerciale nel complesso. Le manovre di accaparramento del polo sono iniziate da entrambe le parti.

La Russia - Putin ha presentato una rivendicazione di sovranità all'Onu, basata su una ricerca geologica, secondo cui  attraverso la dorsale Lomonosov, sotto il mare, la piattaforma artica è collegata senza interruzioni al continente siberiano, di cui ha la stessa struttura geologica: quindi questo territorio è russo a tutti gli effetti. Come la Crimea. Inoltre Gazprom è stata mandata trivellare in quella zona.

Gli Usa - La risposta statunitense non di è fatta attendere. Obama è stato in visita di recente in quella regione e ha deciso la costruzione di due nuove navi rompighiaccio. Inoltre anche compagnie petrolifere americane sono state inviate sulla piattaforma artica.  Preoccupate per il movimentismo russo, Canada e Danimarca hanno inviato  contingenti militari specializzati ai confini e gli americani hanno potenziato il proprio insediamento. Mentre basi di spionaggio e di intercettazione sono sorte negli ultimi tempi approntate da tutti gli stati coinvolti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • boss1

    boss1

    15 Settembre 2015 - 16:04

    2 scemi e mezzo decidono le sorti mondiali. DIO ! è ora di fare un reset.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    15 Settembre 2015 - 15:03

    vogliamo vedere ora gli Usa alle prese con la Russia e non con la debole Europa, anche tenere d'occhio la Corea del Nord che ha riattivato il reattore atomico, con missili di lunga gittata. Qualcosa bolle?

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    15 Settembre 2015 - 13:01

    Pensavamo che almeno gli USA fossero spinti dall'interesse dell'umanità!

    Report

    Rispondi

blog