Cerca

Come Aylan

Immigrazione, altro dramma in Turchia: affogata una bimba di quattro anni

Turchia, affogata una bimba di quattro anni

Un'altra giovane vittima del mare. Un altro barcone che si rovescia nelle acque turche. Ad appena due settimane dalla morte del piccolo Aylan Kurdi, il bambino siriano di 3 anni affogato mentre cercava di raggiungere la Turchia con la famiglia, un'altra bambina, di quattro anni, il 18 settembre è morta annegata. Questa volta la tragedia ha avuto luogo al largo della costa di Cesme, nella provincia occidentale di Smirne. Al momento non si conosce ancora l'identità della piccola vittima.

La tragedia - Quello che di certo c'è è che la bambina stava viaggiando con un gruppo di siriani su un barcone che si è ribaltato. Lei non ce l'ha fatta ed è stata inghiottita dal mare, incapace di nuotare. Sono stati tratti in salvo, invece, altri 14 siriani che avevano tentato la traversata su quello stesso barcone. Tra di loro ci sarebbero, secondo quanto riferito dalle autorità locali, anche otto bambini. La piccola dunque, potrebbe essere l'unica vittima. Come ha riferito lo stesso vicepremier turco Numan Kurtulmussono, la Turchia resta il paese da cui transita la maggior parte degli immigrati siriani. E, dall'inizio del 2015, i migranti che sono morti in mare, mentre viaggiavano verso il Paese, sono 274.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    18 Settembre 2015 - 20:08

    Noto, con grande sorpresa che in tutto questo blaterare nessuno domanda a cosa serva l'ONU!

    Report

    Rispondi

blog