Cerca

Secessione

Catalogna, exit poll: indipendentisti in netto vantaggio, addio a Madrid?

Catalogna, exit poll: indipendentisti in netto vantaggio, addio a Madrid?

Trionfano gli indipendentisti: i partiti catalani favorevoli all'addio a Madrid hanno ottenuto la maggioranza assoluta in seggi, tra 74 e 79 su 135 totali del Parlamento locale. Questo il responso dei primi exit poll diffusi da Tv3. Nella coalizione contraria alla secessione della Catalogna 19-21 seggi ai Ciutadans, 14-16 al Psc e 12-14 a Catalunya Sí que es Pot (che vede confluire anche Podemos nel listone) e 9-11 per il Partito Popular, mentre Uniò otterrebbe dagli 0 ai 3 seggi. I primi dati arrivati dallo scrutinio, nella sostanza, hanno confermato il trionfo degli indipendentisti.

Lunghe code - Il voto ha fatto registrare un'affluenza record alle elezioni, dove alle 18 avevano votato il 63,19% degli aventi diritto (in crescita del 6,89% punti rispetto al 2012). In alcuni collegi elettorali catalani, addirittura, mancavano le schede a causa dell’alta affluenza. A Tarragona, dove l’affluenza è aumentata di 9 punti percentuali, la Giunta elettorale di zona ha chiesto al governo di Barcellona l’invio urgente di 2mila nuove schede per consentire il proseguimento normale delle operazioni di voto. Ai seggi, lunghissime code.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nastroazzurrolc

    28 Settembre 2015 - 13:01

    L'Italia conta perche' e' profonda. Non sono del Sud ma i siciliani non sono tutti Crocetta o mafiosi, anche se hanno eletto la Finocchiaro.

    Report

    Rispondi

  • tonuccioguiso

    28 Settembre 2015 - 07:07

    Viva la Catalunya libera. Viva la libertà. Fuori dalle gabbie quali UE e euro!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    28 Settembre 2015 - 07:07

    Che ve ne frega degli indipendentisti? Voi ormai, seguendo il buffone felpato siete diventati nazional-fascisti. E per il nazionalista fascista il peggior nemico é l'indipendentista. Siete dei poveracci.

    Report

    Rispondi

blog