Cerca

Inghilterra

La ragazza malata di sesso che ha sconfitto la sua ossessione

La ragazza malata di sesso che ha sconfitto la sua ossessione

Era un'ossessione, un chiodo fisso. E, alla fine, è diventata una malattia quasi ingestibile. Rose Bretécher,una ragazza inglese che usa un nome fittizio per tutelare la sua privacy,è stata malata di sesso per tutta la sua adolescenza, fino ai 20 anni. Poi, grazie a un medico che l'ha curata su Skype, è guarita.

L'ossessione - Per la giovane, ogni particolare della vita quotidiana era un richiamo al sesso. "Ogni cosa mi faceva pensare a quello. Le fessure sulla faccia di una montagna viste in un documentario nella mia testa sono diventate una vagina", ha raccontato Rose che ora ha deciso di parlare al pubblico dei social network della sua ossessione. "Ho anche temuto di essere pedofila per delle immagini di un bambino nudo che mi apparivano dentro la mente", aggiunge ricordando il pensiero degli anni trascorsi ad avere paura della sua stessa mente, 24 ore su 24. Rose era talmente fragile e malata che ha perso anche il suo fidanzato, l'università e la voglia di vivere tant'è che è arrivata a pensare anche al suicidio.

La guarigione - Poi la svolta. Un dottore ha deciso di aiutarla, via skype, con una tecnica molto particolare: guardare materiale esplicito e confrontarsi su questo, parlarne. L'ossessione così è diminuita anche se Rose si ritiene ancora una ragazza "mentalmente fragile". E a quanto pare adesso è presa da un'altra preoccupazione: il crollo di grandi edifici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallo11

    01 Ottobre 2015 - 20:08

    che bella malattia

    Report

    Rispondi

  • allianz

    01 Ottobre 2015 - 17:05

    ...E' guarita con Skype ed adesso si fa suora.Non è che la foto l'hanno scattata negli studi di radio maria?

    Report

    Rispondi

  • lorenvet

    01 Ottobre 2015 - 16:04

    Forse i grandi edifici e i grattacieli le ricordano qualcosa! Mi viene in mente il film "Vedo nudo" con Nino Manfredi, quando il protagonista , alla fine del trattamento rieducativo, vede uomini nudi invece di donne nude.

    Report

    Rispondi

blog