Cerca

Il caso

Afghanistan, la Nato bombarda un ospedale di Medici senza frontiera: 9 morti

Afghanistan: la Nato bombarda un ospedale di Medici senza fronbtiera

Le forze militari della Nato hanno bombardato nella notte un'ospedale di Medici senza frontiere a Kunduz, in Afghanistan. Ci sono almeno nove morti e 37 sono i feriti, ma i dispersi sono alcune decine. Nell'ospedale erano ricoverati circa un centinaio di pazienti.

Nato e Kabul - Il comando dell'Alleanza atlantica ha ammesso di aver colpito l'ospedale dopo che la stessa associazione aveva denunciato la strage. In seguito è intervenuto  il governo di Kabul, sostenendo che dentro a quella struttura si nascondevano  10 o 15 terroristi. Quindi la questione ora è se si sia trattato di un errore o se la Nato abbia colpito intenzionalmente quell'ospedale.

Le accuse- Da Msf attaccano su Twitter: "L'attacco è proseguito per mezz'ora dalla segnalazione alle forze armate Usa e afghane". Per l'ong, "tutte le parti in conflitto, incluse Kabul e Washington, conoscevano le coordinate delle nostre strutture già da mesi". Le vittime confermate sono medici dell'organizzazione, ma non c'è un bilancio delle vittime tra le persone ricovertate: secondo il Telegraph, i cadaveri sarebbero almeno 50.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino48

    03 Ottobre 2015 - 18:06

    Bombardamento per errore un cavolo. Lo hanno bombardato scentemente. Mi domando tutti i democratici europei dove sono, non condannano la strage? Sono occupati a dare false notizie e a criminalozzare i Russi che combattono in Siria?

    Report

    Rispondi

blog