Cerca

Guerra dentro la Chiesa

Vaticano, il prete polacco Oko contro Charamsa: "Un complotto dei gay contro il Sinodo"

Vaticano, il prete polacco Oko contro Charamsa:

Monsignor Charamsa, il prete-teologo polacco che ha fatto tremare il Vaticano con la confessione della propria omosessualità, "fa sicuramente parte della lobby gay" all'interno della Chiesa. Ne è sicuro Don Dariusz Oko, polacco e acerrimo rivale di Charamsa, intervistato da Fabio Marchese Ragona sul Giornale. Secondo il prelato, difensore del Cristianesimo tradizionale, quanto successo sabato è "un complotto ardito con cura artigianale, probabilmente per indebolire, al Sinodo, la posizione dei vescovi polacchi e di tutti i vescovi fedeli all'insegnamento della Chiesa e del Vangelo. Credo voglia colpire anche la posizione della Congregazione per la Dottrina della Fede e tentare di indurre i padri sinodali ad accettare l'omosessualità nella Chiesa. Fare questo nel sabato che precede il Sinodo, quando a Roma sono presenti giornalisti di tutto il mondo, gli ha permesso di avere ovviamente maggiore visibilità".

"Contro di me odio e menzogne" - Tra Charamsa e Oko c'è un precedente molto recente: "Qualche giorno fa ho letto il suo articolo Teologia e violenza su un settimanale cattolico polacco e ho capito che si trattava al 100% di un prete omosessuale. Il suo odio e le sue menzogne contenute nell'articolo sono tipiche degli omo-ideologi, compresi quelli in tonaca". Secondo Oko, i toni usati dal prete gay erano molto aspri: "Charamsa nell'editoriale mi ha riempito di insulti e mi paragona a un assassino talebano. Credo che mi odi, si pone al di sopra di tutta la Chiesa e ancor di più del Signore Gesù: mostra un incredibile orgoglio e cecità nelle sue affermazioni".

"Charamsa frustrato" - La Congregazione per la Dottrina della Fede è stata definita da don Charamsa "il cuore dell'omofobia paranoica della Chiesa". "L'attacco a questa Congregazione - spiega don Oko - avviene perché l'ex Sant' Uffizio è il principale custode della fedeltà all'insegnamento della Chiesa, anche sul tema dell'omosessualità. Forse questo attacco è il risultato di una sua frustrazione o dell'aver condotto per troppo tempo una doppia vita che adesso non ha più la forza di affrontare, imbrogliando e mentendo, e che alla fine lo ha spinto a fare coming-out".

 

 

"Sì, naturalmente credo che faccia parte di questa lobby gay".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ARKA43TIN.IT

    07 Ottobre 2015 - 17:05

    X Janses..........purtroppo se tutti i gay della chiesa si togliessero il saio resterennero giusto 4 gatti !

    Report

    Rispondi

  • gabrybaeca

    06 Ottobre 2015 - 17:05

    Purtroppo la Chiesa è sotto attacco da parte delle forze oscure del MALE, ma dovrebbe venirne fuori perché ne ha i mezzi per farlo, il monsignore polacco è stato proprio creato ad arte per mettere scompiglio, la sessualità è una cosa molto difficile da governare, ma ci sono anche i comandamenti: non commettere atti impuri...chi scandalizza un piccolo dovrebbe mettersi una macina al collo!!!

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    05 Ottobre 2015 - 08:08

    Se e' frocio ....levati il saio e vai fare il gay !!!

    Report

    Rispondi

  • goodvin60

    05 Ottobre 2015 - 08:08

    Chraramsa non sa quel che dice. Forse non ha mai letto la Bibbia. Comunque , siamo in questo mondo dominato da gay e bisogna accettare anche ciò che giusto non è. La famiglia etero sta finendo. Fra poco due etero, uomo e donna, per sposarsi dovranno farlo clandestinamente. Come Renzo e Lucia. ciao.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti