Cerca

La vendetta

Usa, l'Isis pubblica online l'indirizzo del Navy seal che uccise Bin Laden: "Ammazzatelo"

L'Isis mette in rete l'indirizzo del Navy seal che sparò a Bin Laden:

Un uomo britannico, dichiaratosi simpatizzante dei terroristi dell'Isis, ha messo sul web l'indirizzo di casa di Robert O'Neil, il Navy seal del Team six, il soldato che sostiene di aver ucciso il capo di Al Qaeda, Osama Bin Laden. Sui siti fiancheggiatori della propaganda terroristica, l'anonimo jhadista ha incitato i militanti dell'Isis e i seguaci di Al Quaeda a uccidere O'neil, dando anche precisi riferimenti dei suoi spostamenti.

La storia - Il Navy seal ha partecipato al blitz in Pakistan del 2011 pianificato dal governo statunitense e ha dichiarato di aver sparato personalmente il colpo mortale a Bin Laden. L'uomo ha lasciato le forze armate nel 2012, dopo esserci entrato nel 1995. Aveva fatto una brillante carriera nei corpi speciali, ricevendo otto medaglie al valore e la Silver star.  Dopo aver abbandonato l'esercito, si è dedicato a un'associazione che aiuta i veterani di guerra. Inoltre tiene conferenze in tutti gli Stati Uniti in cui racconta la sua celebre avventura. Da quando è uscito allo scoperto, O'Neil vive sotto scorta 24 ore al giorno, cosa che gli è costata il matrimonio e l'allontanamento della famiglia.

Il messaggio - L'annuncio in rete è stato scovato dal Mirror ed è stato eliminato dai controllori del sito, ma qualche mano abile probabilmente pilotata dall'Isis continua a rimetterlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog