Cerca

L'idea

Ikea, la novità delle pareti mobili: entro tre anni nel catalogo

Ikea, la novità delle pareti mobili: entro tre anni nel catalogo

Ci vorranno ancora tre anni di studi e ricerca, ma la strada è segnata per la svedese Ikea. Non ci saranno solo i mobili nel catalogo del posto più odiato dai fidanzati trascinati il sabato pomeriggio dalle rispettive compagne, ma anche muri scorrevoli e case rimodulabili. L'azienda svedese ha capito che sempre più clienti hanno serissimi problemi di spazio in casa. Anzi sono proprio le case che nel corso dei decenni non sono più quelle di una volta abitate da chi oggi è nonno o genitore in pensione. Non solo in Italia, ma anche in Svezia il fenomeno esiste: la metratura media dei bilocali è calata dai 67 mq del 2001 ai 58 attuali. Riporta Milano Finanza da un pezzo del Wall street journal, a San Francisco le superfici medie delle case sono calate del 18%, a Boston addirittura del 22%.

L'idea - Non bastano più letti a castello, mobili incastrati tra loro e divani letto per ricavare più spazio vitale in casa. I ricercatori svedesi stanno lavorando a pareti scorrevoli e mobili su misura che non siano costosi come accade oggi. Il vero ostacolo secondo i ricercatori non è tanto realizzare a prezzi competitivi le pareti mobili, oltre che rendere sicure. I problemi più grossi sono arrivati dai cavi elettrici: "Quando si vuole riorganizzare l'arredamento, le prese a muro sono sempre nel posto sbagliato" ha detto il tecnico Ydholm Perez. Il suo team ha realizzato prese di corrente mobili sulle pareti scorrevoli e poi a Seul, in Corea, ha visto: "laboratori molto belli, ma avevano bisogno di provare prodotti in un ambiente più realistico, vicino al mondo in cui vive la gente comune". Così hanno costruito a Malmo, in Svezia, un living lab in un vecchio appartamento degli anni '80.

Il meccanismo - Le pareti mobili installate nel laboratorio svedese corrono lungo binari montati su muri fissi e sono appese e pochi centimetri dal pavimento. Negli appartamenti sperimentali hanno piazzato gente vera, che vive realmente la casa, permettendo loro di annotare tutti i suggerimenti che venivano loro in mente, mentre i tecnici li osservavano anche con telecamere nascoste per ottenere giudizi più sinceri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    08 Ottobre 2015 - 13:01

    Non possono essere" appese" al pavimento; saranno appese al soffitto o appoggiate al pavimento.

    Report

    Rispondi

  • acq.ti

    08 Ottobre 2015 - 10:10

    bella schifezza......un solo vantaggio....puoi nascondere piu rapidamente l'amante.....tutto il resto di uno schifo e una freddezza inconcepibile

    Report

    Rispondi

    • Capfer

      08 Ottobre 2015 - 11:11

      Non sono certo un amante dell'Ikea, ma il problema delle case microscopiche esiste e non è certo colpa loro. Stanno studiando un palliativo (non chiamiamolo soluzione), ma se può far vivere un po' meglio, onore a loro.

      Report

      Rispondi

blog