Cerca

La mappa

Siria, la mappa dei bombardamenti dei missili russi su territorio siriano: l'accusa della Nato

Siria, la mappa dei bombardamenti dei missili russi su territorio siriano: l'accusa della Nato

La tensione tra la Russia e la Nato è salita soprattutto ieri, mercoledì 7 ottobre, quando dalle quattro navi militari russe sono partiti bombardamenti diretti a nord della Siria. I vertici della Nato e del Pentagono hanno criticato l'escalation di raid russi, minacciando di schierare le proprie truppe a difesa della Turchia, alleata nella coalizione atlantica, tecnicamente attaccabile dai russi considerando la gittata massima dei missili di 2600 km.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    09 Ottobre 2015 - 12:12

    caspita! Dal Mar Caspio partono i missili russi per colpire l'Isis in Siria. Ciò dimostra una strategia militare da super potenza organizzata e efficiente della Russia, derivata da grande intelligenza dei strateghi. La Nato figlia dell'America a confronto sembra l'armata Brancaleone. La guerra in Siria non durerà fino quando Assad si dimetterà. Assad non si dimetterà. C'è sempre l'Incognita Iran

    Report

    Rispondi

  • vincenzocontadino

    08 Ottobre 2015 - 14:02

    C'era volta l'amore a Mosca cieco per il Soviet, oggi che PUTIN amato all'esterno e poco in Patria ha dato al suo Popolo stabilità e risorse Energetico per secoli e niente tessere viveri e a tutti un Passaporto negata da Fidel compreso alla figlia che sparì lasciando il Paese! Adesso a Nato un moscerino sia pure rappresentano oltre 700mln non sono d'accordo soprattutto in mancanza di una Forza Rap

    Report

    Rispondi

  • vincenzocontadino

    08 Ottobre 2015 - 14:02

    C'era volta l'amore a Mosca cieco per il Soviet, oggi che PUTIN amato all'esterno e poco in Patria ha dato al suo Popolo stabilità e risorse Energetico per secoli e niente tessere viveri e a tutti un Passaporto negata da Fidel compreso alla figlia che sparì lasciando il Paese! Adesso a Nato un moscerino sia pure rappresentano oltre 700mln non sono d'accordo soprattutto in mancanza di una Forza Rap

    Report

    Rispondi

  • akille44

    08 Ottobre 2015 - 12:12

    No basta bombe, basta guerre-Già i Francesi hanno fatto una cavolata in Libia-Fermatevi.- Si arrangino gli USA che hanno mantenuto l' isiss. saluti Akille 44

    Report

    Rispondi

    • OrsoYoghi

      08 Ottobre 2015 - 20:08

      non puoi fidarti degli usa, l'isis è la conseguenza della loro politica estera, Putin fà benissimo a fare quello che fà, credo che tra qualche mese le cose cambieranno molto nell'area.

      Report

      Rispondi

    • massimomazzu63

      08 Ottobre 2015 - 12:12

      Akille, gli Usa continueranno sino a quando non avranno deposto Assad!!! Questa è la loro democrazia. Se un capo di stato è amico dei russi va deposto immediatamente! Vuoi questo tu? Sei a favore dei continui casini combinati dagli americano? E bada bene, stanno ammettendo pubblicamente di finanziare i terroristi e i ribelli in funzione anti-Assad.

      Report

      Rispondi

      • bettely1313

        09 Ottobre 2015 - 12:12

        non credo che gli Usa continueranno fino a quando avranno deposto Assad. Tutto è iniziato perché gli Usa volevano occupare il territorio siriano per installarvi le proprie basi militari per attaccare l'Iran sempre minacciosa nei confronti di Israele. Con l'intervento della Russia in Siria tutto cambierà, perché c'è sempre l'incognita Iran che potrebbe essereancor più minacciosa verso Israele.

        Report

        Rispondi

blog