Cerca

Orrore

Immigrazione, costretto a lanciare in mare il cadavere del figlio per salvare gli altri migranti

Immigrazione, costretto a lanciare in mare il cadavere del figlio per salvare gli altri migranti

L'ultima tragedia del mare è avvenuta al largo dell'isola di Kos, in Grecia: una braca con 14 migranti è affondata nella notte, provocando la morte di due bambini. La notizia è stata resa nota dalla Guardia Costiera ellenica. Ma la vicenda ha un altro particolare agghiacciante: il padre di uno dei bambini morti è stato costretto a gettare in mare il corpo del figlio di sei anni morto durante il tragitto, che risulta disperso, pur di salvare gli altri membri della famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog