Cerca

Su Twitter

L'Isis rivendica gli attentati di Parigi: "È l'11 settembre della Francia"

L'Isis rivendica gli attentati di Parigi:

"Ricordate, ricordate il 14 novembre. #Parigi non dimenticherà mai che questa data è come l'11 settembre per gli americani". È quanto scrive sul proprio canale twitter lo Stato islamico, secondo quanto riporta la direttrice di Site, Rita Katz. In altri messaggi, sempre su Twitter, simpatizzanti dello Stato Islamico avvertono: "Vi abbiamo colpito per il vostro presidente (François Hollande, ndr), voi che uccidete bambini e adulti in Siria ora avete bevuto lo stesso calice".

Poi ribadiscono l'allarme lanciato già diverse settimane fa: "Dopo Parigi toccherà a Roma (tra qualche settimane parte il Giubileo, ndr), a Londra e a Washington". E Toni Capuozzo sul suo profilo Twitter rilancia un fotomontaggio inquietante e scrive: "Due settimane fa postata questa immagine (nota il Colosseo). Intelligence francese aveva liquidato: propaganda".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    15 Novembre 2015 - 01:01

    L'unica soluzione per non stare sempre dietro sti stronzi c'è l'avrei io in un a settimana non ne vedreste nemmeno uno e nemmeno si potranno riprodurre, un bel bombardamento al Napalm e poi vediamo se avete la fortuna di riparlare con la vostra arroganza.

    Report

    Rispondi

  • primus

    14 Novembre 2015 - 19:07

    Unica possibilità per migliorare la sicurezza, sospendere la costituzione e mano libera ai militari !!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

    • gescon

      15 Novembre 2015 - 00:12

      Sospendere questo governo di imbelli infiltrati

      Report

      Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    14 Novembre 2015 - 16:04

    Li aspettiamo in vaticano: chissà che qualcuno non si svegli dal letargo in cui giace da troppo tempo. Temo però che siano troppo furbi per fare qualcosa contro la chiesa, che attualmente è la loro migliore amica.

    Report

    Rispondi

  • gio52

    14 Novembre 2015 - 15:03

    Forse dovremmo ringraziare i bastardi terroristi parigini perche' spero di dare loro il merito del possibile risveglio di tutti i coglioni buonisti che governano in europa . Credo sia venuto il momento di buttare a mare tutti quelli che dicono che le religioni non hanno responsabilita' di cio' che sta succedendo . Negli attuali conflitti le religioni (monoteiste ) sono la causa scatenante .

    Report

    Rispondi

    • archeosimo

      14 Novembre 2015 - 17:05

      complimenti per la profonda ed utilissima analisi. Daesh indottrina e recruta attraverso la radicalizzazione, ma non ha nulla a che vedere con la religione, è un'organizzazione terroristica punto e basta.Non è un caso che in tutti i paesi musulmani moderati, vedi Tunisia, la totalità della società civile si smarca e ha orrore dell'estremismo.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog