Cerca

Identità

Parigi, le prime indiscrezioni sui kamikaze dei terribili attentati

Parigi, le prime indiscrezioni sui kamikaze dei terribili attentati

Dopo quasi quattordici ore dai terribili attentati che hanno assediato la città di Parigi, finalmente si sa qualcosa riguardo ai kamikaze. Un passaporto siriano e uno egiziano è stato ritrovato sui corpi di due jihadisti che hanno fatto detonare insieme ad altri miliziani le bombe all'esterno dello Stade de France durante la partita amichevole Francia-Germania. È quanto riferisce l'emittente francese Bfm-Tv precisando che sono in corso le verifiche per stabilire l'autenticità e l'origine del documento.

Un francese e una donna - Nel frattempo Europe 1 riporta la notizia dell'identificazione di un altro terrorista come cittadino francese, che faceva parte del commando, composto da 6 terroristi, che ha attaccato la sala da ballo Bataclan. Vengono confermate così le dichiarazioni di alcuni testimoni che subito dopo la strage avevano raccontato: "Erano bianchi, erano giovani sui 25 anni. Sembravano soldati delle forze speciali da come agivano". Da quanto si legge sul sito francese Le Monde ci sarebbe anche una donna, basista del gruppo.

Giovani e in fuga - Dalle informazioni confermate dalla polizia transalpina 8 terroristi sarebbero dunque morti (6 di loro si sono fatti saltare in aria con le cinture esplosive e 2 sono stati uccisi dagli agenti delle forze speciali) ma altri sarebbero riusciti a scappare. Alcune persone avrebbero visto due auto nere con tanto di targa immatricolata in Belgio allontanarsi a grande velocità con alla guida dei ragazzi di 18-20anni. Secondo quanto emerso da alcune registrazioni telefoniche, come riporta Le Figaro, gli attentatori del Bataclan "parlavano molto bene il francese. Avevano i kalashnikov e sparavano senza nemmeno guardare chi avevano davanti".

Agivano come dei professionisti - Una tranquillità fin troppo ostentata come aggiungono altre persone che li definiscono "professionisti": "I terroristi erano molto calmi. Hanno ricaricato le armi tre o quattro volte. Ho visto diverse persone giovani che non indossavano maschere entrare nella sala durante il concerto imbracciando kalashnikov: hanno sparato a bruciapelo a chi era rimasto ferito. Ricaricavano le armi e ricominciavano a sparare". E ancora: "Sparavano con gli Ak47 a colpo singolo, 3-4 alla volta, tutti ben mirati, sembravano soldati delle forze speciali".

Otto fratelli kamikaze - Lo Stato Islamico ha rivendicato sui social network gli attentati diffondendo un video il cui testo recita: "Otto fratelli kamikaze, con cinture esplosive e fucili d’assalto hanno preso come bersaglio gli angoli scelti minuziosamente nel cuore della capitale francese: lo stadio di Francia, durante l'incontro di due paesi crociati Francia e Germania, al quale assisteva l’imbecille di Francia, Francois Hollande. Poi: il Bataclan, dove erano riuniti centinaia di infedeli, durante una festa di perversione, così come altri obiettivi nel decimo, undicesimo e diciottesimo arrondissement. Il bilancio è di 200 morti". Il comunicato inoltre descrive anche il modus operandi dei miliziani che hanno prima sparato e poi si sono fatti esplodere diversamente da quello che era accaduto nella redazione di Charlie Hebdo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    14 Novembre 2015 - 16:04

    Da 2 anni e più sono presenti in Siria e Iraq , hanno formato uno stato / califfato , indisturbati . Una decina d'anni fa i soliti falsi e ipocriti ripetevano che la democrazia non si può esportare , ora invece prolifera un import di terroristi provenienti da quelle zone peggiori delle dittature , ora cosa faranno ? Chissà se li chiameranno guerrafondai !

    Report

    Rispondi

  • BLACKMAGIC

    14 Novembre 2015 - 16:04

    I terroristi, sono figli d’immigrati nati in francia, prendere i familiari è cacciarli dal paese. Ho letto che nella sala da ballo Bataclan c’erano 1200 persone, contro 6 terroristi armati, in quel locale non c’erano sedie, tavolini e altro, da lanciare contro le bestie di satana. Se in un luogo chiuso incominciano a sparare e tutti scappiamo, le bestie ci uccideranno tutti. Pena di morte per terr

    Report

    Rispondi

  • gescon

    14 Novembre 2015 - 15:03

    Che dio li maledica

    Report

    Rispondi

  • gescon

    14 Novembre 2015 - 15:03

    Che dio li maledica

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog