Cerca

Allo Stade de France

Volevano un'ecatombe. L'agghiacciante retroscena sulla strage di Parigi

Volevano fare un'ecatombe. L'agghiacciante retroscena sulla strage di Parigi

Volevano fare un'ecatombe i terroristi islamici della strage di almeno 120 persone del 13 novembre a Parigi, provocando una tragedia di proporzioni ben più drammatiche. Il colpo peggiore poteva avvenire allo Stade de France, dove si stava giocando l'amichevole Francia-Germania con il presidente francese Francois Hollande in tribuna stampa e migliaia di spettatori assiepiati sugli spalti. Nel corso della partita ci sono stati almeno un paio di momenti di panico per gli spettatori, dopo le due forti esplosioni avvertite all'interno della struttura, abbandonata solo verso mezzanotte. Quelle esplosioni erano i primi due kamikaze che si facevano esplodere fuori dallo stadio. Ma gli attentatori poco prima avevano provato ad entrare come tutti gli altri spettatori, con tanto di biglietto quando la partita era iniziata ormai da 15 minuti.

Il racconto - Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, uno dei due terroristi si è presentato dal giovane Zouhier, uno steward in servizio a Saint-Denis: "Uno degli attentatori è stato perquisito all'ingresso dello stadio un quarto d'ora dopo l'inizio della partita: aveva addosso una cintura esplosiva e una volta scoperto, è scappato facendosi saltare in aria". La conferma della ricostruzione è arrivata da un agente di polizia che visto anche il secondo attentatore allontanarsi dallo stadio per farsi saltare in aria pochi minuti dopo e poi un terzo, che ha raggiunto un McDonald's vicino lo Stade de France. Da una di quelle tre esplosioni è morta una persona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mantovano49

    15 Novembre 2015 - 10:10

    Testo

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    15 Novembre 2015 - 09:09

    L`Europa unita ci metterebbe 5 giorni a sterminare i balordi dell`ISIS.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    14 Novembre 2015 - 23:11

    Patrizia alta....La sua ignoranza è pari alla sua stupidità. Non sa lei forse che la maggior parte degli zingari ha origini Bosniache? Ripassi qualche cesso...Uno dei suoi amici ha lasciato un ricordino.

    Report

    Rispondi

  • francescoconforti27

    14 Novembre 2015 - 20:08

    siamo ridicoli incapaci di mettere con ler spalle al muro poche migliaia di terroristi contro cinquecento milioni di europei cagassotto , da anni subiamo e porgiamo l'altra guancia. le guerre, militari, o economiche si vincono o non si fanno. tirare a campare ingrassa solo le multinazionali e le nomenclature al potere

    Report

    Rispondi

    • boateng51

      15 Novembre 2015 - 09:09

      Oltre il danno la beffa Il giorno dopo queste tragedie ci tocca barcamenarci fra le intemerate di questi eroi da tastiera e la pelosissima e stucchevole solidarietà di coloro che si riscoprono Ammericani o Francesi solo in queste occasioni La verità è che continuiamo ad essere tristemente italioti Se questo è il livello di comprensione dei fatti possiamo già comprare il.burka per le nostre donne e lasciarci crescere la barba RIDICOLI

      Report

      Rispondi

    • miacis

      14 Novembre 2015 - 23:11

      Concordo, ma sembra che si sia in pochi a capirlo!

      Report

      Rispondi

blog