Cerca

Caccia ai terroristi

"Ci sono ancora terroristi in fuga". L'allarme: cosa avevano in auto

"Ci sono ancora terroristi in fuga". L'allarme: cosa avevano in auto

Almeno uno, forse due dei terroristi della strage di Parigi sono ancora in fuga. L'ipotesi è emersa sin da quando il procuratore di Parigi, Francois Molins, ha fatto un primo vero bilancio degli assalti che hanno sconvolto la capitale francese la sera del 13 novembre. Ma la conferma arriva anche dallo sviluppo delle indagini, con il ritrovamento delle auto che sarebbero state usate dai terroristi per gli attacchi.

Le auto - La polizia ha identificato una Polo nera, noleggiata in Belgio, grazie alla quale sono stati messi a segno almeno cinque arresti a Molenbeek, il quartiere multietnico di Bruxelles. Solo questa mattina, invece, gli agenti hanno trovato una Seat Leon nera a Montreuil: a bordo c'erano diverse armi e numerose impronte digitali. Secondo la polizia, la Polo è stata usata dai tre terristi autori della strage al Bataclan, dove sono morte 89 persone. Due di loro sono morti dopo il blitz delle forze speciali, un altro si è fatto saltare in aria con una cintura esplosiva. Mentre un secondo gruppo era allo Stade de France, probabilmente il gruppo di punta che avrebbe potuto uccidere migliaia di persone, se uno dei tre non fosse stato bloccato all'ingresso da uno steward, un terzo commando sarebbe quello che ha usato la Seat nera invece sarebbe stata usata da un altro gruppo di fuoco, quello che verso le 21.30 di venerdì 13 ha fatto fuoco contro il café Bonne Biere e poi contro il locale Belle Equipe, uccidendo 39 persone prima di riuscire a fuggire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog